“Ha l’auto sbagliata”, famoso calciatore ‘cacciato’ dall’allenamento – FOTO

Incredibile quanto successo a Coman del Bayern Monaco. Si reca all’allenamento con una Mercedes, ma non viene fatto entrare nel centro sportivo perché non avrebbe ‘rispettato’ lo sponsor. 

coman gol psg
Coman decide l’ultima finale di Champions League – Getty Images

Curiosa vicenda quella avvenuta ieri a Kinglsey Coman. Il calciatore francese del Bayern Monaco, con un passato anche alla Juventus, è stato allontanato dal centro sportivo del club bavarese perché colpevole di essere arrivato con la macchina sbagliata. Gli accordi sono accordi e gli sponsor sono sponsor. Soprattutto se il main sponsor del club è un colosso come Audi, che ha incluso nel suo contratto con il Bayern l’obbligo per i giocatori di arrivare agli allenamenti con l’Audi fornita proprio dal brand.

L’attaccante francese, che con il suo gol ha deciso l’ultima finale di Champions League, è però venuto meno a questo accordo tra club, sponsor e giocatori. Coman infatti è arrivato agli allenamenti alla guida di una Mercedes (tra i principali competitor di Audi) e si è visto sbarrare davanti le porte del centro sportivo bavarese. A riportare la notizia è stato il quotidiano tedesco Bild, che racconta come Coman sia stato costretto a parcheggiare fuori dal centro sportivo del Bayern perché i custodi gli hanno negato l’accesso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Maradona, il ‘soffio’ che ha salvato il Boca contro il River 

Coman arriva in Mercedes: multa salata per lui

Coman quindi è stato costretto a parcheggiare la sua Mercedes all’esterno del centro sportivo. Per questa sua grave disattenzione ora rischia anche 50 mila euro di multa. Non è la prima volta che il calciatore francese incappa in una vicenda del genere: già lo scorso anno, infatti, l’ex PSG e Juventus si era presentato all’allenamento con una McLaren. Inutile dire come questa sua recidività non sia stata affatto gradita ai vertici del Bayern.

Un grattacapo in più in vista del rinnovo: il suo contratto è in scadenza nel 2022 e di fronte a queste “disobbedienze” ci potrebbero essere delle difficoltà nelle trattative.