Covid, ok definitivo alla giornata della memoria: la data e di cosa si tratta

Sarà celebrata ufficialmente ogni anno la giornata della memoria per le vittime di Covid. L’ok definitivo è appena arrivato ed ecco i dettagli

Medico reparto Covid
Medico reparto Covid (fonte Getty Images)

Ad un anno dall’inizio della pandemia, l’Italia ha ufficialmente stabilito la giornata nazionale della memoria. L’ok definito è arrivato pochi minuti fa ed è stata così istituita la giornata per ricordare tutte le vittime di questa tragedia indimenticabile. La commozione da parte di tutti gli organi governativi è tanta.

Il voto è stato unanime: il 18 marzo verrà celebrata la giornata nazionale dedicata alle vittime del Covid. Domani quindi ricorrerà la prima data ufficiale per celebrare il ricordo di questo immane tragedia. La giornata sarà poi onorata ogni anno, così è stato stabilito dal disegno di legge che ha trovato tutte le parti governative d’accordo.

L’ok definitivo è arrivato dopo il parere favorevole della commissione Bilancio su un emendamento tecnico. Gli step erano necessari prima di dare l’ufficialità alla giornata. Per l’occasione, la Presidenza del Consiglio ha disposto che in tutti gli edifici pubblici nazionali ed europei sia esposta la bandiera a mezz’asta.

LEGGI ANCHE >>> Covid-19, il bollettino del Ministero Della Salute del 17 marzo 2021

Covid, il programma per il 18 marzo

Mario Draghi, presidente del consiglio
Mario Draghi, presidente del consiglio (fonte Getty Images)

Sarà celebrata domani, 18 marzo 2021, la prima giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia. Le celebrazioni partiranno da Bergamo. Tutto è iniziato un anno fa proprio da lì e sono ancora vivi i tristi ricordi dei camion che trasportavano i feretri delle vittime.  Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, sarà presente insieme ad altre figure istituzionali.

La giornata partirà intorno alle 11 con la deposizione di una corona di fiori al Cimitero monumentale della città. Successivamente si svolgerà l’inaugurazione del Bosco della Memoria e la messa a dimora di 100 alberi. Ci saranno saluti ed interventi istituzionali per una giornata che sicuramente resterà nella storia. Ad un anno dall’inizio della pandemia, l’Italia registra purtroppo oltre 100.000 vittime e nessuna di loro deve essere dimenticata.