Fabrizio Corona, arriva il sostegno del cantante: la difesa con la sua canzone

E’ tanta la solidarietà manifestata a Fabrizio Corona ricoverato in ospedale. Oggi è il turno del Joker italiano che gli dedica una canzone.

Fabrizio, ex fotografo dei Vip
Fabrizio, ex fotografo dei Vip (screenshot instagram)

Continua la battaglia dell’ex fotografo dei Vip, ricoverato all’ospedale Niguarda di Milano. Fabrizio Corona non molla la sua battaglia contro la pena che gli è stata inflitta e dopo la revoca dei domiciliari, il fotografo ha tentato più volte di togliersi la vita. Ora prosegue il suo sciopero della fame da giorni.

Sono molti i rappresentanti dello spettacolo che gli stanno mostrando solidarietà. Primo tra tutti il cantante Adriano Celentano che ha pubblicato ben due lettere in favore del fotografo. Oggi un altro artista si schiera dalla parte di Corona e gli dedica una canzone. Stiamo parlando di Gianluca Grignani che non nasconde il suo supporto a Fabrizio.

Nell’ultima puntata di Non è l’Arena condotta da Massimo Giletti, è stato proprio Corona ad inviare una lettera per far sapere le sue condizioni. Dal Niguarda il fotografo ha scritto di non sentire alcun dolore quando si autolesiona e che è pronto a morire per i suoi diritti. Già Celentano gli aveva scritto che se morisse adesso non importerebbe a nessuno ed oggi lo fa anche il cantante Grignani che scende in campo a difesa del fotografo.

LEGGI ANCHE >>> Fabrizio Corona in manette, gesto disperato in ospedale: parte la petizione

Fabrizio Corona, le parole di Gianluca Grignani

Gianluca Grignani
Gianluca Grignani in difesa di Corona (fonte Getty Images)

“Lo Stato come piombo si sopporta. I ragni fanno i nidi sulle tue rovine come su un ramo”. Gianluca Grignani si espone in difesa di Fabrizio Corona e lo fa attraverso le parole della sua canzone “Sogni infranti” del 2015. Quello scritto dal cantante è un messaggio pieno di vicinanza al fotografo e di rabbia verso le giustizia.

Grignani infatti ha ammesso gli errori di Fabrizio Corona ma per il cantante in Italia c’è chi ha commesso reati ben più gravi e non ha fatto i conti con la giustizia. Se è vero che la legge è uguale per tutti, allora per il cantante è giusto che chi sbaglia debba pagare i suoi errori ma ciò deve valere per tutti. Non devono esserci due pesi e due misure dinanzi alla legge.