‘Oggi è un altro giorno’, i retroscena sulla vita di Nino Manfredi svelati dal figlio Luca

Il figlio di Nino Manfredi, Luca, è ospite a ‘Oggi è un altro giorno’ da Serena Bortone: svelati i retroscena tra severità e scherzo

Luca Manfredi a 'Oggi è un altro giorno'
Luca Manfredi e Serena Bortone a ‘Oggi è un altro giorno’ (Screenshot Tv)

Si è festeggiato ieri il centenario della nascita del grande Nino Manfredi, nato il 22 marzo 1921 e scomparso il 4 giugno 2004. Per questa occasione il figlio dell’attore, Luca, è ospite a ‘Oggi è un altro giorno‘, programma condotto ogni pomeriggio da Serena Bortone. Il figlio dell’attore rivela che Nino era un padre molto severo, come il nonno lo era stato con lui, ma anche assente a causa dei tanti impegni di lavoro. Infatti svela che uno dei suoi periodi più felici è stato quando il padre è partito per l’America per girare ‘Rugantino’, e lui è rimasto a Taormina da uno zio che si prendeva cura di lui e gli dava tante attenzioni. Oltre alla severità però c’era anche la parte scherzosa e divertente.

Nino Manfredi, il figlio luca svela uno scherzo del passato: “Credeva di essere morto”

Nino Manfredi in una premier
L’attore Nino Manfredi (Getty Images)

Il figlio di Nino Manfredi, Luca, oltre a parlare di un rapporto complicato con un padre impegnatissimo, parla anche della sua simpatia. L’attore ha sofferto diversi problemi di salute e ha passato alcuni anni in un sanatorio. Qui è stato vittima di uno scherzo, che viene raccontato dal figlio luca, che rivela: “Un giorno si svegliò pieno di paraventi bianchi, che si usavano per i deceduti. Gli altri pazienti intorno a lui facevano le loro cose e nessuno gli rispondeva, facevano finta di non sentirlo. Così pensò di essere morto. Fortunatamente entrò un infermiere che li ha sgridati e ha fermato lo scherzo”. Uno scherzo di cattivo gusto, ma che Nino Manfredi prese comunque con il sorriso e che per una volta lo ha visto vittima e non artefice.