Avanti un Altro, Bonolis non può crederci: “Che storia meravigliosa” – FOTO

Avanti un Altro anche oggi ci regala una perla, la storia ha subito catturato Paolo Bonolis che è rimasto spiazzato. Scopriamo le parole del concorrente e cosa è successo

paolo bonolis ride
Paolo Bonolis (getty images)

Paolo Bonolis cattura totalmente il pubblico con siparietti notevoli e tutta la verve caratteristica del noto conduttore. Anche oggi ha fatto sfoggio di tutta la sua simpatia e il suo sarcasmo, lasciando il pubblico senza parole con le sue esternazioni. La storia di uno dei concorrenti che ha tentato la scalata verso la vittoria, di certo ha catturato la sua totale attenzione. Il botta e risposta con l’uomo è immancabile: le sue dichiarazioni verso il concorrente e la sua toccante e allo stesso tempo esilarante storia.

LEGGI ANCHE >>> Avanti un Altro, Bonolis e la tripla gaffe: “Ha i pantaloni bucati. Non vorrei che…”

Avanti un Altro, Bonolis colpito dal concorrente: ma che storia!

Mario con Bonolis ad Avanti un Altro
Mario con Bonolis ad Avanti un Altro (Foto alla tv)

Mario è uno dei concorrenti di oggi. L’uomo viene da Nola, in provincia di Napoli. Sembra un signore compito e appassionato, ma poi la conversazione prende una piega decisamente strana. Annuncia il matrimonio con la sua Giovanna, dicendo: “L’unico errore che ha commesso è sposarmi l’anno prossimo”. Bonolis incalza immediatamente: “Mi scusi ma quindi si sposa?”. L’uomo spiazza: “Giovanna si sposa l’anno prossimo, sono stato coinvolto in questa cosa”.

Il conduttore cerca di capire: “Coinvolto? Mica l’hanno rapita per fare questa cosa”. E lui: “Ho accettato felicissimamente”. Bonolis lo interrompe: “Ma non mi pare da come ne parla…”. E da qui inizia il racconto della storia: “Appena l’ho vista, ho fatto tardi a pranzo e mia madre mi ha chiesto il perché. Ho risposto: Non preoccuparti, ho trovato la donna che sposerò. Conoscevo solo gli occhi, ho chiesto a un pittore di dipingere quegli occhi e ho aspettato quasi due anni prima di vederla al di fuori del lavoro”. Paolo a questo punto non può che esclamare: “Ma che storia meravigliosa, birbante di un bene culturale”.