Scuola, novità per la Dad: quest’anno si potrà bocciare?

Si avvicina la chiusura di questo secondo anno scolastico in Dad ma sono in molti a chiedersi se si potrà bocciare. A fine aprile l’ordinanza del Ministero.

Classe vuota a causa del Covid
Classe vuota a causa del Covid (fonte Getty Images)

Covid uguale didattica a distanza. Per il secondo anno consecutivo la scuola ha dovuto far ricorso alle lezioni da remoto a causa dell’aumento dei contagi. Ma siamo già a Pasqua e si avvicinano gli scrutini dunque, come si valuterà quest’anno? Si potrà bocciare? Entro il prossimo mese di aprile potrebbe arrivare un’ordinanza ministeriale per chiarire ogni dubbio.

Fin dall’inizio il mondo scolastico si è diviso tra sostenitori della Dad, impauriti dalla situazioni, ed oppositori che non vedono le scuole come focolai di contagi da Covid. La situazione non è di certo semplice e la didattica a distanza ha i suoi pro e contro. In molti lamentano la mancanza di contatto sociale necessario ai ragazzi per crescere serenamente. Altri manifestano importanti lacune data l’impossibilità di seguire correttamente le lezioni.

Insomma, l’opinione pubblica è praticamente divisa ma al di là delle posizioni di ognuno, ci si chiede come saranno le valutazioni quest’anno. Lo scorso anno, vista l’eccezionalità del momento, la bocciatura era stata annullata. Ma per quest’anno scolastico probabilmente non ci sarà nessun “condono”.

LEGGI ANCHE >>> Scuola, cosa accadrà dopo Pasqua: la decisione e il piano di Draghi

Scuola in Dad, i presidi temono i ricorsi

Precauzione contro il Covid a scuola
Precauzioni contro il Covid a scuola (fonte Getty Images)

I dirigenti scolastici sono in attesa di una nuova ordinanza ministeriale che chiarisca la situazione. In molti temono ricorsi di massa in caso di bocciature. Per Antonio Giannelli, capo dell’Associazione nazionale dei presidi, è necessario trovare il giusto connubio tra rigore e promozione automatica.

Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha fatto sapere che per il momento le disposizioni sono quelle pre-Covid e che quindi si potrà rimandare o anche bocciare nel caso in cui non ci siano molte sufficienze. Per quanto riguarda la maturità, Bianchi ha previsto il ritorno al giudizio di ammissione che l’hanno scorso era stato annullato. L’unica deroga che rimane in gioco è il requisito di frequenza: chi non è riuscito a frequentare con costanza le lezioni in Dad a causa di problemi di connessione, sarà comunque ammesso.