Fabio Fazio, l’annuncio del lutto durante la trasmissione: studio in lacrime

Il conduttore Fabio Fazio fa commuovere il pubblico di “Che tempo che fa” annunciando la morte di un grande del mondo della cultura 

fabio fazio conduce
Fabio Fazio (getty images)

Momento  di grossa commozione domenica sera nella trasmissione “Che tempo che fa”. Il conduttore Fabio Fazio annuncia commosso la perdita di un nome molto importante nell’ambito della cultura italiana.

Si tratta dell’autore televisivo, drammaturgo, scrittore e conduttore Enrico Vaime, scomparso all’età di 85 anni proprio il 28 marzo 2021. Il conduttore del programma di Rai 3, è risultato visibilmente toccato dalla notizia della morte dell’artista, facendo emozionare il pubblico in  studio e a casa con il ricordo che ne ha dato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Fabio Fazio può lasciare ‘Che Tempo Che Fa’: “Non so cosa farò”

Le parole di Fabio Fazio per Enrico Vaime

enrico vaime sorride
Enrico Vaime (getty images)

Durante la messa in onda di “Che tempo che fa”, il presentatore savonese si abbandona ad un tenero ricordo di Enrico Vaime, riuscendo a far commuovere tutti. “Ho iniziato questo lavoro 38 anni fa. Dopo un mese sono stato messo a fare le imitazioni in una trasmissione radiofonica storica, Black Out“, così inizia il racconto del conduttore che confessa: “L’anima di questa trasmissione era Enrico Vaime, uno dei più grandi autori del varietà. Per me è molto complicato. È una gigantesca perdita, ho trascorso anni con Enrico. È molto complicato per me dire quello che vorrei, è davvero una perdita gigantesca per lo spettacolo. Una lezione di gusto e di eleganza assoluta, da una persona così si impara cosa si può dire e cosa non si può dire, battute strepitose e inventiva assoluta. Con Enrico ho fatto le più belle risate della mia vita: come mi ha insegnato a ridere lui, nessun altro“.

Un legame d’affetto molto importante univa dunque il presentatore a Enrico Vaime, da queste parole trapela, infatti, tutto il dolore per la perdita di questo grandissimo personaggio.