Covid, tutto su Johnson & Johnson: come funziona il vaccino

A metà aprile accelerata nel piano vaccinale: anche in Italia arriva il vaccino Johnson & Johnson. Tutto quello che c’è da sapere del siero statunitense

Vaccino Johnson & Johnson
Vaccino per il Covid-19 – Immagine di repertorio (Getty Images)

Nonostante i cambiamenti degli ultimi mesi a livello governativo, e quindi decisionale, la campagna vaccinale ancora non ha raggiunto la velocità auspicata. Per metà aprile, però, ci sono belle notizie. Il vaccino Johnson & Johnson, dopo l’approvazione della Food and Drug Administration, ovvero l’agenzia federale statunitense che si occupa dei farmaci, dell’Ema e dell’Aifa a metà gennaio, arriverà in Europa.

Dopo Pfizer-BionTech, Moderna e AstraZeneca, il siero anti-Covid è il quarto che ‘sbarca’ in Italia e può essere somministrato a tutte le persone maggiorenni. La novità, però, rispetto ai predecessori è che l’efficacia c’è già alla prima somministrazione, dando così un’ulteriore accelerata al piano vaccinale. “Il nostro vaccino contro il Sars-Cov-2 ha dato luogo a una risposta anticorpale”, ha detto il vicepresidente del comitato esecutivo e Chief Scientific Officer, Paul Stoffels.

LEGGI ANCHE >>> Mario Draghi e la moglie vaccinati con AstraZeneca: “Mi ha rubato la scena” – FOTO

Johnson & Johnson, tutti i dettagli e i numeri sul vaccino

Vaccino Johnson & Johnson
Vaccino per il Covid-19 – Immagine di repertorio (Getty Images)

Sul sito del Ministero della Salute, intanto, si possono leggere una serie di numeri. Il vaccino è efficace al 77% dei casi gravi dopo 14 giorni dalla somministrazione e all’85% dopo 28. Secondo gli studi dell’azienda statunitense non sono gli unici benefici. E’ efficace all’81% contro le forme gravi della variante sudafricana; tocca addirittura l’87% con la variante brasiliana.

Quello che deve rincuorare di più è un’altra cosa. L’Europa, infatti, ha già prenotato 200 milioni di dosi per il 2021, di cui 26-27 milioni arriveranno proprio in Italia. O forse non partiranno proprio. Perché le dosi americane sono prodotte in più sedi grazie a un accordo con la Catalent, azienda di prodotti farmaceutici del New Jersey, che ha uno stabilimento ad Anagni, in provincia di Frosinone.