DDL Zan, Fedez attacca il senatore: “Ci hai costruito una carriera”

È un Fedez versione fiume in piena quello che verso l’ora di pranzo ha pubblicato una serie di storie contro il senatore leghista Pillon. Motivo del ‘contendere’ il DDL Zan: lo sfogo del rapper.

Fedez in abito scuro
Il rapper Fedez (Getty Images)

È un Fedez decisamente fiume in piena quello che attacca il senatore della Lega Pillon in materia di DDL Zan. Sul profilo Instagram del rapper milanese appaiono una serie di storie in cui si rivolge direttamente al politico, contestando alcune sue parole e opinioni riguardanti il disegno di legge che, in parole molto povere, dovrebbe garantire e tutelare i diritti attuando nuove misure di previsione di contrasto riguardanti sesso, orientamento sessuale e identità di genere. Insomma, una legge che punta a rendere più severe le pene per il reato d’odio contro gli omosessuali.

Fedez attacca il senatore Pillon, che aveva dichiarato come il DDL in questione non fosse una priorità in questo momento, in un video sfogo in cui accusa non solamente lui, ma anche il partito politico che rappresenta, non risparmiando una frecciata anche a Matteo Salvini.

Pillon osteggia la legge dicendo che darebbe via agli uteri in affitto, peccato che lì dentro non se ne parli” dice Fedez in un passaggio del suo discorso, proseguendo poi e parlando da padre di due bambini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Fedez, frecciatina a Maria De Filippi

DDL Zan, non solo Fedez: anche Elodie contro Pillon

Fedez poi va più nello specifico e nel suo affondo attacca la Lega per come ha gestito, e sta gestendo, l’emergenza sanitaria in Lombardia: “Vogliamo parlare di come la Lega stia gestendo il piano vaccinale in Lombardia, dove ci sono i novantenni non ancora vaccinati?”.

Lo sfogo di Fedez contro Pillon (che sullo stesso argomento è stato attaccato anche da Elodie) prosegue dopo la condivisione di una clip in cui il senatore leghista definisce “impazzita” una società in cui i bambini “vengono costretti a truccarsi”.

Il marito della Ferragni parla da padre e esprime la sua opinione: “Io ho un figlio di tre anni (Leone, avuto dalla moglie Chiara Ferragni, ndr) che gioca con le bambole e ciò non desta turbamento. Non me ne desterebbe neanche se un giorno dovesse sentire esigenza di truccarsi”.