Google chiude canale YouTube: ma la decisione diventa un premio

Google chiude un canale YouTube: la decisione diventa un premio. La sfida del sito raggiunge risultati incredibili ed inaspettati

Youtube
Youtube (Getty Images)

Una decisione giudicata inaccettabile, quasi un sopruso ed una sfida lanciata in grado di conquistare risultati davvero sorprendenti. E’ quanto accaduto a ByoBlu, un canale YouTube che contava ben 500mila iscritti e censurato da Google, ufficialmente per un’intervista risalente allo scorso settembre.

Una decisione, quella del colosso statunitense, che ha creato indignazione e proteste, con la questione arrivata addirittura in Aula, per bocca di Gianluigi Paragone, del Gruppo Misto. “Google ha chiuso in maniera arbitraria il canale ByoBlu – ha detto – in spregio alle garanzie costituzionali. E’ inammissibile e grave la chiusura arbitraria di un canale” ha concluso il senatore.

ByoBlu, peraltro, è una testata giornalistica da oltre 14 anni e vantava quasi due milioni di video caricati nel corso degli anni. Il canale, in passato, era stato già sanzionato e sospeso nei mesi scorsi con più di un video rimosso dalla piattaforma, per un abbozzo di censura prima della decisione irreversibile e netta.

Google chiude canale YouTube ByoBlu: la sfida

YouTube
YouTube (Getty Images)

Non si è certo arresa ByoBlu, anzi, ha rilanciato davvero in grande stile. Ha aperto una campagna fondi che scadrà il prossimo 10 aprile con un obiettivo chiarissimo; raccogliere fondi sufficienti per comprare addirittura un canale televisivo. E l’adesione è stata davvero massiccia, considerato come siano stati raccolti ben 150mila euro in appena 24 ore.

Un dato clamoroso che evidenzia come i sostenitori di ByoBlu – e quelli della libertà d’informazione garantita dall’art. 21 della Costituzione – siano pronti a finanziare la nuova sfida dei giornalisti. Obiettivo, quindi, lo sbarco sul digitale terrestre, come è scritto nella newsletter inviata a tutti gli iscritti al canale.

Compreremo un canale unico nazionale se entro il 10 aprile raggiungeremo la cifra necessaria. Nelle due settimane successive – prosegue il messaggio – daremo il via alle trasmissioni in tutte le case. Come una famiglia grande, in caso contrario, valuteremo insieme“.