Sgarbi, bufera dopo la visita in Sardegna: “Vergogna”

Le polemiche ormai sono di casa quando di mezzo c’è Vittorio Sgarbi. Il critico d’arte e politico recentemente si è recato in Sardegna, ma un particolare non è andato giù ai 5 Stelle: “È vergognoso”.

Vittorio Sgarbi, sorride
Il critico d’arte Vittorio Sgarbi (GettyImages)

È esplosa la bufera attorno alla visita in Sardegna di Vittorio Sgarbi. Il critico d’arte e attuale sindaco di Sutri pochi giorni fa si è recato sull’isola per una visita ufficialmente istituzionale, ma che ha creato non poche critiche dirette ai suoi confronti e ai politici locali che lo hanno accolto.

In un momento in cui l’Italia è nuovamente sotto le stringenti norme restrittive anti contagio, la maggioranza della popolazione non può uscire di casa o vedere amici e parenti. Ci apprestiamo a vivere la seconda Pasqua consecutiva in lockdown (seppur con minime aperture rispetto allo scorso anno) e numerose attività sono costrette a rimanere chiuse. In questo contesto la visita di Sgarbi in Sardegna ha fatto storcere il naso a molti, tra i quali l’esponente del Movimento 5 Stelle regionale Desirè Manca. 

In Italia i musei sono chiusi, in Sardegna quello della Brigata Sassari si apre per una visita guidata assolutamente vergognosa” ha detto la Manca, attaccando il presidente del Consiglio Regionale, la cui risposta non è tardata ad arrivare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Renzi, caos dopo il viaggio in Bahrein: cosa è successo 

Sgarbi in Sardegna, polemica politica

La Manca rincara poi la dose, ammettendo che quanto successo “…  dimostra la disparità tra il popolo e una politica abituata a non rispettare le regole, anche se si muove con un pizzico di vergogna“. Un vero e proprio attacco contro un’ala della politica sarda, al quale però ha voluto replicare il presidente del Consiglio Regionale Michele Pais.

Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi (Getty Images)

Pais ha ammesso come Sgarbi abbia sempre mostrato grande attenzione e affetto per l’isola e “…nella sua visita ha fatto incontri e sopralluoghi che sono nelle sue prerogative parlamentari“, cercando così di smorzare le polemiche sul nascere.