Renzi in Bahrein al Gp F1, bufera social: “Io non posso rivedere i parenti”

La presenza di Matteo Renzi al Gp di Bahrein di Formula Uno non poteva che scatenare polemiche. Mentre Hamilton su Mercedes tagliava il traguardo da vincitore in Italia, sui social, è caos per il leader di Italia Viva nel paddock.

Matteo Renzi
Matteo Renzi (Getty Images)

Il mondo dei social, e non solo, non risparmia Matteo Renzi. Il leader di Italia Viva vero protagonista (in negativo) in questa prima parte del nuovo anno. Prima il voto di sfiducia con il quale ha fatto cadere il Governo Conte, poi le visite in Arabia che ai più hanno fatto storcere il naso. Ieri, in occasione del primo Gran Premio della stagione di Formula 1, l’ex sindaco di Firenze è apparso nel paddock come un tifoso qualsiasi, tra piloti, meccanici e monoposto.

Non poteva passare inosservata la sua presenza nel circuito del Bahrein. Mentre Lewis Hamilton con la sua Mercedes faceva suo il primo appuntamento della stagione in Italia si era già scatenata la polemica contro Matteo Renzi, al centro di una vera e propria bufera suoi social, Twitter in particolare, ma non solo. Ecco quindi i numerosi attacchi di molti utenti, lui però si difende a dichiara di aver rispettato tutte le regole anti Covid in materia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Renzi, svelati i rapporti con i sauditi

Renzi al Gp di Bahrein, furia in Italia: “Qui siamo in zona rossa”

Noi in zona rossa e lui a godersi la F1” tuona qualcuno sui social, altri accusano il leader di Italia Viva di rimanere indifferente di fronte ai problemi del suo Paese. “Quindi io non posso tornare (giustamente) in un’altra Regione per rivedere i miei parenti, ma Renzi può andare a vedere il Gp di Formula 1 in Bahrein” scrivono altri alimentando la prevedibile polemica sulla presenza del politico nel paddock di Formula 1.

L’ufficio stampa di Renzi però chiarisce: “I viaggi di Renzi riguardano Renzi e non costano un centesimo al contribuente“. Già domani, fa sapere lo staff del leader di IV, sarà presente in aula per votare sul Family Act.