Denise Pipitone, il conduttore della tv russa si scusa: “Vi dico tutto” – VIDEO

Il conduttore russo, al centro di mille polemiche, si è scusato attraverso un videomessaggio per tutto ciò che è successo sulla vicenda Denise Pipitone.

Conduttore Russo Denise Pipitone Scuse Videomessaggio
Il conduttore russo con Olesya (Screenshot Instagram)

Un vero circo mediatico. Azzerati i sentimenti di una madre per dare impasto, ancora una volta, una notizia agli italiani. Anzi ai “telespettatori”, come se questi dovessero essere informati a tutti i costi. Spettacoli del genere, in diretta televisiva, pensavamo di averli superato da un tempo. E invece, visti anche i programmi che circolano, siamo sempre alle solite.

Con il risultato finale che Olesya non è Denise Pipitone. “Tutto qui”, dovremmo dire. Ma come si può dirlo? Tutto qui per una madre che è stata gettata, con tutte le scarpe, dentro, ripetiamo, un circo mediatico. E se non fosse stato per un avvocato più che presente si sarebbe ritrovata ancora in un vortice peggiore di ciò che è stato fino a poche ore fa.

L’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, si è arrabbiato e non poco con il conduttore russo Dmitry Borisov, il quale ha temporeggiato, e non poco, prima di pubblicare un videomessaggio, attraverso un profilo Instagram, e chiedere scusa per tutto ciò che è accaduto.

LEGGI ANCHE >>> 

Il conduttore pubblica un video su Instagram: e ora che succede con Denise Pipitone?

Ecco il video ove, con tanto di italiano impeccabile, il conduttore del programmo russo, Lasciali Parlare, si scusa per tutto ciò che è successo. Ma le scuse dovrebbero arrivare per il ritardo sulla pubblicazione del test del DNA o per tutto ciò che è successo attorno a questa storia?

Ciò che fa accapponare la pelle sono le scuse, immediate, che Dmitry pone ai telespettatori italiani, come se fosse la parte più lesa di questa storia. Giusto per ricordare le menti delle persone che aspettavano con “trepidazione” che una bambina è sparita da ben 16 anni dal cortile di casa e non è stata più trovata. Ci vorrebbe più rispetto, da parte di tutti, in certe situazioni. Altrimenti “Non andrà, mai, tutto bene”, tanto per citare uno sloga degli ultimi tempi.