Orietta Berti incontenibile: canta i Maneskin e si trasforma in Damiano – VIDEO

Pazzesco show di Orietta Berti che canta i Maneskin e si trasforma in Damiano: il palco si infuoca, il suo è un vero e proprio spettacolo.

Orietta Berti Maneskin Voce Damiano
La cantante Orietta Berti (Getty Images)

I cantanti devono anche sapersi adattare. Ma non per screditare il loro talento, ci mancherebbe altro nel chiedere una cosa del genere. Ma per saper mettere in scena un vero e proprio show, un delirio, nel senso positivo del termine, che sappia scatenare il pubblico pagante, quello dei concerti (di una volta).

Se non sono i concerti, per ora, che sia almeno la televisione. E in tutto ciò inizia il vero show di Orietta Berti, da molti osannato nell’ultimo Festival di Sanremo, una delle poche vintage sul palco dell’Ariston, è tornata con una esibizione che ha scatenato tutti quanti, sia le persone in studio, che la gente da casa, sia coloro che vedranno il video in differita.

La Berti in versione rock star nel programma Name That Tune su Tv8. Di fatto non si è presentato con un suo pezzo, ma ha imitato il cantante dei Maneskin, Damiano, portando come “cavallo di battaglia” la canzone vincitrice dell’ultimo Sanremo: Zitti e Buoni.

LEGGI ANCHE >>> Orietta Berti, che show da Fazio! La cantante è diventata un’icona di stile

Tutti in piedi per Orietta Berti: nuova componente dei Maneskin?

Parte la musica, sul palco c’è Orietta Berti. Di sottofondo si sente la musica del conduttore Enrico Papi che la introduce. Di fatto, la cantante, è già pronta a mettere in atto il suo grande show. Vestito a tinta unica, piedi in punta, battito di mani, la Berti è pronta per andare fuori di testa. E ci davvero con il brano Zitti e Buoni.

Un’interpretazione superlativa. Muove bocca, corpo e braccia come una vera rock star. Si diverte e fa divertire i giurati in studio e il pubblico di casa. Una grinta impressionante, tanto da non riconoscerla, o meglio, conoscerla sotto altre vesti.

Dieci punti, secchi, a Orietta Berti, che all’età di … (ci siamo capiti), va fuori di testa, ma per una giusta causa: quella di interpretare un gruppo che aveva chiamato “Naziskin” e per far vibrare i cuori e gli animi delle persone a casa.