Mascherine gratis a scuola: Arcuri spiega le modalità di distribuzione
Mascherine gratis a scuola: Arcuri spiega le modalità di distribuzione

Mascherine gratis a scuola: Arcuri spiega le modalità di distribuzione

Mascherine gratis a scuola: il commissario per l’emergenza Arcuri spiega come avverrà la distribuzione per professori e studenti

Mascherine gratis a scuola per studenti e professori. Lo garantisce il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri in conferenza stampa. A settembre partirà la distribuzione in tutte le scuole per il personale docente e gli alunni, anche se – precisa lo stesso Arcuri – le modalità sono ancora tutte da stabilire. Intanto si partirà a giugno con gli esami di Stato: per il 17 giugno, giorno di inizio degli esami di maturità, saranno garantite le mascherine gratis ai maturandi e ai professori presenti nelle commissioni di esame.

Lo stesso commissario ha risposto alle polemiche delle ultime settimane: “La partita delle mascherine è risolta – ha spiegato -, in due settimane abbiamo fatto tutto. Il prezzo è rimasto di 50 centesimi e l’Iva azzerata: abbiamo mantenuto le promesse”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mascherine chirurgiche a 50 centesimi: già finite? Ecco dove trovarle

Mascherine gratis ma quando e come riaprirà la scuola?

azzolina scuola
Azzolina (Getty Images)

Quella delle mascherine gratis è al momento l’unica certezza per il mondo della scuola. Assodato che quest’anno scolastico terminerà in modalità a distanza, poche le indicazioni su quel che accadrà a settembre. Oggi è prevista una protesta dei genitori per chiedere il ritorno in aula, in sicurezza, a settembre, ma intanto dal Governo non arrivano segnali su come sarà il prossimo anno scolastico. La ministra Azzolina ha garantito che il protocollo sarà completato a breve. Punto cardine sarà la presenza in aula, con la didattica a distanza che potrà essere applicata soltanto alle superiori. Poi la divisione degli alunni in piccoli gruppi e la necessità di trovare nuovi spazi. Possibile accordi per usufruire di cinema, teatri e oratori ma tutti i dubbi sono ancora da sciogliere. Come quelli sugli insegnanti: classi spezzettate potrebbe significare anche necessità di più docenti e quindi di più risorse economiche.

LEGGI ANCHE >>> Concorso scuola, il giorno dei bandi: tutte le novità