Roma riapre le spiagge libere e gli stabilimenti balneari
Roma riapre le spiagge libere e gli stabilimenti balneari

Roma riapre le spiagge libere e gli stabilimenti balneari

Roma riapre le spiagge libere e da domani anche gli stabilimenti. Regole rigide per gli stabilimenti, per le spiagge libere si fa appello al buonsenso.

Roma riapre spiagge libere e stabilimenti balneari. Per la Regione Lazio il 29 maggio sarà il primo giorno in cui ci si potrà stendere al sole.

Stabilimenti balneari e spiagge libere, ma anche campeggi e villaggi turistici e laghi, meta molto ambita per le gite in giornata. Si consiglia di effettuare prenotazioni in modo da evitare inutili code. Molte strutture mettono a disposizione delle app per informare i propri clienti delle modalità di accesso e delle misure di sicurezza adottate. Per Roma c’è l’app Sea Pass, consentirà agli utilizzatori di verificare il livello di affollamento delle spiagge in modo da poter decidere il da farsi.

Niente bagnini nelle spiagge libere, ma è possibile che vengano effettuati controlli saltuari da parte delle forze dell’ordine, specie nel primo periodo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Le Frecce Tricolore passano da Napoli: spettacolo mozzafiato – Video

Spiagge libere e stabilimenti balneari: le regole da seguire

Spiaggia libera
Spiaggia libera (Getty Images)

L’ordinanza a firma del governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, stabilisce in modo rigido il distanziamento da rispettare. Un metro e mezzo tra i lettini, usando sempre telo o asciugamano per sedersi. Le strutture andranno sanificate ad ogni cambio cliente. All’ingresso nello stabilimento occorrerà fornire il gel igienizzante mani.

Affidata alla responsabilità individuale invece la sicurezza delle spiagge libere. Saranno presenti indicazioni su come posizionare gli ombrelloni, tra le varie postazioni occorre mantenere un metro e mezzo di distanza. Non sono previsti bagnini ma ci sarà un operatore presidio degli ingressi e delle uscite.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Autostrade, Atlantia vende tutto? Le ipotesi nella riunione con Conte