Twitter sorpassa Facebook: Zuckerberg attaccato dai dipendenti

Facebook ha dovuto cedere il passo a Twitter. L’app di Jack Dorsey è stata la più scaricata dell’ultima settimana. Problemi anche su Whatsapp per Zuckerberg

Il mondo della tecnologia è in continuo cambiamento ed anche i colossi social possono subire importanti flessioni. Questo è ciò che sta succedendo a Facebook, il primo social network che ha fatto la fortuna di Mark Zuckerberg. In America infatti, nell’ultima settimana Facebook ha dovuto cedere il trono di applicazione più scaricata a Twitter, social network molto in voga sopratutto negli ‘states’. Jack Dorsey, fondatore di Twitter, ha così superato il social rivale grazie ai molti post di Donald Trump, sopratutto dopo l’omicidio di George Floyd, per cui i ‘cinguettii’ sono stati moltissimi e repentini negli aggiornamenti. A minacciare un’altra app di Zuckerberg, ovvero Whatsapp, c’è ‘Signal’, app di messaggistica che inizia a spopolare in America.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> TIk Tok, perché tutti gli utenti stanno cambiando le immagini del profilo

Zuckerberg sotto attacco: i dipendenti di Facebook protestano, ma lo fanno su Twitter

videochiamate su whatsapp
Mark Zuckerberg (Wikipedia)

 

Passano gli anni e le mode cambiano, per questo motivo Facebook inizia a subire una flessione importante. Twitter sembrerebbe aver preso il posto del social network di Mark Zuckerberg, che ora starebbe subendo anche una protesta da parte dei suoi dipendenti. La protesta dei lavoratori di Facebook non è però fisica, ma si svolge su internet. I dipendenti del colosso social infatti, avrebbero dichiarato di non essere più orgogliosi di lavorare per Facebook, dopo che non è stata presa una posizione sulla morte di George Floyd. Da parte dei lavoratori però, il segnale più forte sarebbe arrivato dal fatto che la protesta si starebbe svolgendo proprio sul social avversario, ovvero Twitter. Inoltre, nelle ultime ore sarebbe spuntato l’hashtag ‘deletefacebook’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> ”Ritorno al futuro”: occhio alla bufala che sta colpendo Facebook