Coronavirus al San Raffaele, scoppia un nuovo focolaio? La situazione
Coronavirus al San Raffaele, scoppia un nuovo focolaio? La situazione

Coronavirus al San Raffaele, scoppia un nuovo focolaio? La situazione

Coronavirus al San Raffaele, nuovo piccolo focolaio a Roma, all’interno dell’ospedale. Zona immediatamente chiusa e presidiata dall’esercito, la situazione

Coronavirus, allarme rosso in Capitale, dove sembra essere scoppiato un nuovo focolaio all’Ospedale San Raffaele. “Alla data odierna risultano collegabili al focolaio dell’IRCCS San Raffaele Pisana 31 casi di cui 9 dipendenti, 2 esterni entrambi famigliari di operatori sanitari e 20 pazienti di cui 18 già trasferiti e 2 in trasferimento. Nel pomeriggio del 5 giugno è stata disposta la chiusura della struttura con cordone sanitario”. Questo si legge nella comunicazione del Commissario straordinario della Asl Roma 3, Giuseppe Quintavalle. Al momento la struttura sta dando tutto il supporto per contenere al massimo il focolaio, gestendo i casi e il loro tracciamento nel miglior modo possibile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Tragedia in Austria, uomo uccide compagna ed ex moglie e poi si suicida in Italia

Coronavirus al San Raffaele, sono in corso le indagini

coronavirus test sierologici
Foto di un test per il coronavirus (Foto di Gerd Altmann da Pixabay)

Dopo l’accertamento dei casi di coronavirus, è subito iniziata l’indagine epidemiologica al San Raffaele di Roma. L’obiettivo è quello di identificare la possibile criticità che abbia agevolato la diffusione del virus. L’ipotesi più accreditata, e quella relativa ad alcuni operatori sanitari.

Intanto è stato confermato un decesso, come si legge nella nota: «Si conferma un decesso – continua – di un paziente affetto da pluri patologie (parkinson e diabete) positivo al tampone naso-faringeo. Proseguono le attività di test su tutto il personale compresi i consulenti e gli esterni e i pazienti della struttura. Verranno sottoposti ai test anche i dimessi degli ultimi 14 giorni».

Al San Raffaele già due giorni fa erano state bloccate tutte le accettazioni. Adesso la zona è presidiata dalla Polizia e dall’esercito, che non permette di entrare o uscire senza autorizzazione.