Distanziamento sui mezzi: la Sicilia elimina la misura anti covid
Distanziamento sui mezzi: la Sicilia elimina la misura anti covid

Distanziamento sui mezzi: la Sicilia elimina la misura anti covid

Dopo Veneto, Liguria ed Emilia Romagna, ora anche la Sicilia elimina l’obbligo di distanziamento sui mezzi di trasporto previsto per evitare i contagi.

A rendere nota la notizia relativa all’eliminazione del distanziamento sui mezzi è stato l’assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti Marco Falcone. L’ordinanza del presidente della Regione, Nello Musumeci, ha eliminato l’obbligo di distanziamento di almeno un metro sui mezzi di trasporto pubblici e privati in Sicilia, ivi compresi i mezzi di trasporto marittimi.
L’ordinanza azzera i limiti previsti nel trasporto pubblico locale, arrivando a consentire il riempimento fino a capienza massima. Si deroga così al distanziamento interpersonale di almeno un metro tra i passeggeri. Anche gli spostamenti infra e interregionali non sono più soggetti a limitazioni, mentre permane l’obbligo di osservare le misure di contenimento del contagio, le quali trovano applicazione anche nell’ambito del trasporto pubblico locare e in quelli locale ferroviario, automobilistico extraurbano, non di linea, nonché ai servizi come taxi, autobus turistici e auto a noleggio privi o sprovvisti di conducente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> “Pesce razzista”. Imbrattata la Sirenetta di Copenaghen

Distanziamento sui mezzi: eliminato il limite. Le reazioni di Asstra

Distanziamento sui mezzi
Distanziamento sui mezzi (Getty Images)

Accolta con favore la misura da parte di Asstra, per cui si tratta di un provvedimento importante ai fini della vera ripartenza della Regione Sicilia, sempre in un’ottica di sicurezza, essendo state predisposte altre misure anti contagio.

La Sicilia – ha ricordato l’associazione delle imprese di settore – “è la quarta regione ad assumere questa scelta dopo Veneto, Liguria ed Emilia Romagna“.

Prevista dunque da domani la possibilità di occupare tutti i posti a sedere su aliscafi, navi dirette o provenienti da isole e arcipelaghi siciliani. Si tratta di una misura pensata per aiutare la ripartenza della stagione turistica, fa sapere Marco Falcone, assessore alle infrastrutture e ai trasporti per la regione Sicilia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Pierluigi Diaco gela un autore: “Datte ‘na calmata” – VIDEO