Umberto Bossi ricoverato all’ospedale di Varese: le condizioni
Umberto Bossi ricoverato all’ospedale di Varese: le condizioni

Umberto Bossi ricoverato all’ospedale di Varese: le condizioni

Il Senatore della Repubblica, Umberto Bossi, è stato ricoverato all’ospedale di Varese ieri sera: è arrivato in ambulanza, ma le condizioni non sono gravi

Nuovo malore per il Senatore della Repubblica Umberto Bossi. Nella sera di ieri infatti è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di Varese. Il fondatore della Lega è stato ricoverato nel reparto di gastroenterologia. Fortunatamente le condizioni di Bossi al momento sembrerebbero non essere gravi. Seguiranno aggiornamenti per definire meglio lo stato di salute del Senatore, già in passato colpito da problemi di salute come l’ictus del 2004 che tenne in apprensione i suoi sostenitori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Manifestazione centro destra: è un mezzo flop. E Salvini si sfoga

Umberto Bossi ricoverato a Varese: altro problema di salute per il leghista

Umberto Bossi (Getty Images)

Il fondatore della Lega, Umberto Bossi, viene ricoverato nella serata di ieri sera all‘ospedale di Varese per un problema gastrointestinale.  Fortunatamente le sue condizioni di salute al momento non sembrerebbero gravi. Già in passato il Senatore della Repubblica ha avuto gravi problemi di salute. Il primo nel 2004, quando una mattina venne ricoverato in ospedale per un ictus cerebrale, che lo portò ad avere problemi deambulatori e comunicativi. Le conseguenze del malore portarono ad una lunga degenza e ad un emiparesi. L’ultimo malore avvenne nel febbraio dello scorso anno, quando fu nuovamente ricoverato in ospedale, dopo essersi sentito male nella sua abitazione a Germonio. Ieri sera un nuovo problema di salute che porta i medici a decidere di trattenerlo in ospedale, nel reparto di gastroenterologia. Nel frattempo sono molti i messaggi anche sui social di pronta guarigione da parte dei colleghi della politica italiana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, “non usate deodoranti”: l’idea del trasporto pubblico di Berlino