Figlio di Selvaggia Lucarelli identificato da polizia: il motivo – Video
Figlio di Selvaggia Lucarelli identificato da polizia: il motivo – Video

Figlio di Selvaggia Lucarelli identificato da polizia: il motivo – Video

Il figlio di Selvaggia Lucarelli è stato fermato ed identificato dalla Polizia di Stato. Nessun arresto, il ragazzo è stato rilasciato. Tutti i dettagli

Brutta disavventura per il figlio di Selvaggia Lucarelli, fermato ed identificato dalla polizia. Leon, adolescente 15enne, è stato bloccato dalle forze dell’ordine accanto ad un gazebo della Lega, in presenza di Matteo Salvini. Il leader della Lega, impegnato nelle campagne di tesseramento e reduce dalla manifestazione di ieri a Roma, era intento nei selfie con i suoi ammiratori. Leon ha criticato l’ex ministro dell’Interno, quest’ultimo munito di mascherina d’ordinanza con il tricolore.

Il ragazzo 15enne si è avvicinato a Salvini definendolo “razzista omofobo“; “ti voglio bene” la risposta del politico. A quel punto sono intervenute le guardie del corpo del leader leghista impedendogli di avvicinarsi ulteriormente. Una protesta pacifica e pacata, senza alterchi da parte di nessuna delle persone coinvolte. La polizia ha poi fermato ed identificato Leon prima di rilasciarlo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bufera su Diaco, Selvaggia Lucarelli lo ‘distrugge’: “Meritiamo la pandemia”

Il figlio di Selvaggia Lucarelli identificato: la versione della donna

selvaggia lucarelli
Selvaggia Lucarelli (Getty Images)

Selvaggia Lucarelli ha poi raccontato la sua versione dei fatti. Ha svelato come fosse presente alla scena ed ha pure ripreso con il cellulare il tutto, sottolineando come Leon abbia usato toni pacati.

La giornalista ha poi criticato il comportamento delle forze dell’ordine; Selvaggia Lucarelli non ha gradito la richiesta dei documenti degli agenti al figlio tantomeno la richiesta di interrompere la registrazione del video avanzata a lei stessa. Nella difesa al figlio, la Lucarelli ha anche spiegato come Leon abbia maturato idee politiche senza influenze esterne; tantomeno intromissioni da parte della genitrice. Al contempo ha apprezzato il coraggio dell’adolescente nello “sfidare” Salvini davanti ad una folla di 100 persone. Lucarelli, poi, non ha gradito il “zecche” urlato da un uomo nei confronti del ragazzo.