TikTok ancora sotto tiro, gli Stati Uniti pensano a una soluzione estrema
TikTok ancora sotto tiro, gli Stati Uniti pensano a una soluzione estrema

TikTok ancora sotto tiro, gli Stati Uniti pensano a una soluzione estrema

Il governo statunitense accusa TikTok: a rischio le informazioni private di milioni di utenti.

Negli ultimi tempi colossi del web come Facebook e Instagram, collegati alla stessa proprietà, hanno dovuto affrontare la concorrenza di un altro popolare social network. In pochissimi anni TikTok è riuscito a raggiungere milioni di giovani utenti più velocemente di qualsiasi altra piattaforma. La popolarità del social network di proprietà dell’azienda di Pechino ByteDance è legata essenzialmente alla sua semplicità di utilizzo.

Il desiderio di condividere brevi video ha portato utenti di tutto il mondo a scaricare in massa la app di TikTok. E questo ha inevitabilmente generato nel corso del tempo qualche perplessità da parte della comunità internazionale in merito alla gestione dei dati personali da parte di ByteDance. Recenti approfondimenti condivisi da sviluppatori accreditati dalla rete internazionale di hacker Anonymous hanno mostrato alcuni elementi molto sospetti nel codice di TikTok.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha recentemente preso questo discorso durante un’intervista in un programma di Fox News, rete tradizionalmente vicina al governo. “Scaricare la app di TikTok equivale a consegnare dati privati al Partito comunista cinese”, ha detto senza mezzi termini Pompeo.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI >>> TikTok, Anonymous lancia l’allarme: disinstallare subito la app

TikTok rischia il divieto negli Stati Uniti

TikTok
(Getty Images)

Per autorevolezza e prestigio della carica intervenuta nel dibattito, le parole di Pompeo riguardo alla gestione dei dati da parte di TikTok sono state prese molto sul serio. Diversi analisti e addetti non hanno escluso che il governo statunitense stia valutando di vietare l’applicazione negli Stati Uniti.

Chiamato in causa il popolare social network cinese ha risposto alle affermazioni del Segretario di stato americano tramite un portavoce. “Siamo guidati da un CEO americano. E nel nostro organico ci sono centinaia di dipendenti americani”, ha detto il portavoce. TikTok ha anche categoricamente escluso di aver mai fornito dati privati dei propri utenti al governo cinese.