Incidente a Predazzo in galleria: morto bambino di 11 anni

Incidente stradale a Predazzo in una galleria, morto un bambino di 11 anni dopo due giorni di agonia. Lo scontro tra le vetture all’interno di una galleria

Incidente stradale a Predazzo finisce nella tragedia perché è morto un bambino di 11 anni. Si è consumato tutto in una galleria, sulla strada provinciale 232, tra Predazzo e Ziano di Fiemme in provincia di trento. Lo scontro frontale tra due auto ha provocato il decesso del povero bambino di 11 anni che, dopo due giorni di agonia, non ce l’ha fatta. La famiglia si dirigeva in Val di Fassa per trascorrere alcuni giorni di vacanza. La mamma del bambino è in prognosi riservata ed è in gravi condizioni, in terapia intensiva, all’ospedale di Trento, il Santa Chiara; il papà, invece, non è in pericolo di vita nel nosocomio del capoluogo trentino. La famiglia era originaria di Savona.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incidente stradale in Veneto: muore 38enne. L’amica è grave

Incidente stradale a Predazzo, morto un bambino di 11 anni: le dinamiche

Incidente a Predazzo in galleria: morto bambino di 11 anni
Ambulanza

Lo scontro sarebbe avvenuto sabato dopo le 17 a metà del tunnel del monte Agnello, attorno a Ziano. Le due vetture si sono scontrate ma le cause dell’incidente sono ancora tutte da chiarire. Nell’altra auto i due passeggeri non hanno riportato ferite degne di nota. Sul luogo dell’incidente sono accorsi i Vigili del Fuoco di Ziano, quattro ambulanze ed i carabinieri, al lavoro per stabilire le cause dell’incidente e le relative colpe. Sono stati proprio i pompieri ad estrarre i corpi dalle lamiere dopo ore di lavoro con la strada chiusa al traffico per tutto il periodo fino alla rimozione totale dei detriti e dei mezzi dalla galleria.

Resta ancora da capire le responsabilità; un sorpasso azzardato? Quale delle due vetture ha invaso la corsia opposta? I carabinieri dovranno indagare anche perché l’accusa è di omicidio stradale.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Incidente Guardia Lombardi: donna muore sul colpo