Catania, blitz della polizia contro la mafia Nigeriana

Altro nuovo blitz delle forze armate: a Catania irruzione della polizia nelle “case” della mafia Nigeriana. Fermate 28 persone, quasi tutte nigeriane.

Catania nuovamente al centro dei riflettori per quanto riguarda l’intervento della polizia locale. Riflettori che si accendono in ambiti come la detenzione di droga ai fini dello spaccio, possesso illegale d’arma da fuoco e associazioni a delinquere con stampo mafioso. Stamane, alle prime luci dell’alba, la polizia di Catania ha fermato ben 28 persone, appartenenti alla conosciutissima e temutissima mafia nigeriana. I presunti criminali appartengono esattamente alla confraternita cultista “Maphite”: un’organizzazione criminale che, avente sede nella Nigeria stessa, opera a livelli europei, ma anche e soprattutto internazionali. In Italia, un covo, era situato proprio in Sicilia: un punto di ritrovo dove poter organizzare i loro crimini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Varese, droga: arrestati due uomini e sequestrati 12 kg di coca

La mafia nigeriana anche in Sicilia: scoperto un covo a Catania

catania mafia nigeriana
Polizia italiana all’opera dura un arresto (Foto Facebook Polizia di Stato)

La mafia nigeriana è una potente organizzazione, ramificata in diverse famiglie e strutture con assetto da guerra, che ormai opera a livelli europei e internazionali, oltre alle “sedi ufficiali” nella Nigeria stessa. Delle bande di veri e propri criminali, spietati, spesso coinvolti in una serie di omicidi con morti atroci. Una cellula di questa vasta organizzazione è stata oggi decapitata a Catania. Secondo quanto riportato dalle autorità competenti è una cellula operativa catanese che lavora su tutta la sicilia. O meglio, lavorava. Ora è stata completamente decapitata. Un covo che portava il nome di “Family Light House of Sicily”. Dentro questa struttura, e nel corso di tutte le indagini, sono stati documentati vari summit effettuati dai componenti della cosca mafiosa. Filmati in cui, di volta in volta, degli uomini parlavano tra loro e organizzavano i loro progetti futuri. Programmi fortunatamente sventati dall’ottimo lavoro della polizia locale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Due arresti a Biancavilla: avevano una pistola, munizioni e droga