Premariacco, arrestato il sindaco Roberto Trentin: le accuse sono gravi

L’indagine della Guardia di Finanza di Udine ha portato all’arresto del sindaco di Premariacco.

Blitz della Guardia di Finanza nel comune di Premariacco, in provincia di Udine. Dopo un’indagine iniziata lo scorso anno e che ha coinvolto anche il comune di Torreano di Cividale i militari sono al lavoro da stamattina per sequestrare computer e documenti di 12 indagati. Tra questi ci sono il sindaco Roberto Trentin, che si trova agli arresti domiciliari, e la vicesindaca Dolores Zuccolo. Il Comandante della Polizia Locale è accusato invece di aver rivelato al primo cittadino l’esistenza di un’indagine su di lui. A questi si aggiungono tre imprenditori e quattro privati cittadini. I reati per cui indagano le Fiamme Gialle sono numerosi e molto gravi. Si parla infatti di turbativa d’asta, traffico d’influenze illecite, peculato, truffa aggravata e falso in atto pubblico. Adesso il caso passerà nelle mani della Procura di Udine che nei prossimi mesi avvierà il processo nei confronti degli indagati.

LEGGI ANCHE >>> Addio a Giorgio Todde, il medico scrittore voce della Sardegna

Premariacco, indagini avviate grazie ad una soffiata

premariacco
Il sindaco di Premariacco Roberto Trentin (Facebook)

Alla base delle indagini che hanno portato all’arresto del sindaco di Premariacco ci sarebbe una soffiata. Secondo gli inquirenti infatti un dipendente del Comune ha sporto denuncia dopo essere stato licenziato e sostituito con un funzionario compiacente. Dopo la soffiata la Guardia di Finanza ha portato avanti le indagini anche con l’utilizzo di software “spia” installati sullo smartphone di uno degli indagati. In questo modo è stato possibile raccogliere prove fondamentali per portare avanti le indagini come messaggi, foto e mail. Gli appalti viziati dagli accordi illeciti tra Comune e imprenditori avrebbero un valore di almeno 900.000 euro e coinvolgerebbero opere come il riordino del cimitero comunale e il rifacimento dell’impianto sportivo comunale. Tra i reati minori contestati al primo cittadino di Premariacco c’è anche quello di aver falsificato un testamento olografo per favorire l’evasione fiscale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus a Jesolo, sospetto focolaio da una moschea