Herman Cain è morto: aveva contratto il Covid
Herman Cain è morto: aveva contratto il Covid

Herman Cain è morto: aveva contratto il Covid

Herman Cain, ex candidato alla Casa Bianca, è morto all’età di 74 anni. Il politico statunitense aveva contratto il Covid 

Lutto nel mondo della politica statunitense. Herman Cain è morto all’età di 74 anni. L’ex candidato alla Casa Bianca era malato di Covid-19. Nel 2011 era stato per alcune settimane il favorito per il Partito Repubblicano per poi lasciare definitivamente il mondo della politica dopo le accuse di molestie sessuali. Cain, afroamercaino, era ricoverato in ospedale e stava lottando contro il coronavirus. Possibile l’abbia contratto durante il comizio di Trump a Tulsa; d’altronde il politico ed imprenditore non aveva la mascherina, sempre aspramente demonizzata.

Herman Cain è diventato ricchissimo grazie alle sue abilità di imprenditore. Ad appena 36 anni era responsabile di 400 ristoranti Burger King, poi divenne CEO delle pizzerie Godfather’s Pizza fino ad acquistare la società dopo averla risanata restando in quella carica fino al 1996.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Usa: “record” e picco di morti nelle ultime 24 ore

Herman Cain: la carriera politica

Herman Cain è morto: aveva contratto il Covid
Herman Cain (Getty Images)

Cain si candidò alle primarie del Partito Repubblicano nel 2011 ed era anche in vantaggio su Mitt Romney prima di dover abbandonare gli scandali che l’avevano travolto. Nelle elezioni di quattro anni fa ed in queste, Cain ha sempre supportato Trump, nonostante non entrò nel consiglio di amministrazione della Federal Reserve, pur la sua candidatura vagliata dal tycoon. E proprio la sua fervida convinzione nelle idee di Trump contro il Coronavirus gli sono costate la vita; l’ultimo gesto scellerato la partecipazione al comizio in Oklahoma, a Tulsa, senza mascherina né dispositivi di sicurezza. Due settimane dopo gli fu riscontrata la positività e trasportato in ospedale, dove poi è deceduto.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Bollettino Covid 30 luglio, boom di nuovi contagi: è di nuovo allarme?