Open Arms, Matteo Salvini a processo: via libera dal Senato
Open Arms, Matteo Salvini a processo: via libera dal Senato

Open Arms, Matteo Salvini a processo: via libera dal Senato

Open Arms, Matteo Salvini finirà sotto processo. Il Senato ha dato il via libera nei confronti del leader delle Lega

Matteo Salvini finirà sotto processo. Il Senato della Repubblica ha dato il via libera al procedimento nei confronti del leader della Lega, ex ministro dell’Interno all’epoca dei fatti. Il politico quindi finirà davanti ai magistrati per il caso Open Arms. L’accusa è di sequestro di persona per aver impedito e bloccato lo sbarco dei migranti a bordo della nave ong. La richiesta a procedere era arrivata dal Tribunale di Palermo. Salvini, per evitare il processo, aveva bisogno di 160 voti, pari alla maggioranza assoluta, mentre i voti a favore, per la conferma del parere della giunta contraria all’autorizzazione, sono stati 141. In 149 hanno votato contro alla relazione della giunta, un solo astenuto.

La giunta, il 26 maggio scorso, aveva votato contro all’autorizzazione a procedere ed il “no” doveva essere confermato. M5S, Pd, Iv, Leu e Autonomie avevano espresso il parere favorevole nelle intenzioni di voto al contrario dei gruppi di centrodestra.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Emergenza Coronavirus, il presidente Conte dal Senato: decisione ufficiale

Matteo Salvini a processo: le reazioni del leader della Lega

Open Arms, Matteo Salvini a processo: via libera dal Senato
Matteo Salvini (Getty Images)

E’ un Matteo Salvini duro e furente quello che ha commentato a caldo il voto del Senato. Il leghista ha spiegato di essere stato orgoglioso di aver difeso l’Italia e per nulla pentito della decisione assunta; sarebbe, anzi, pronto a ripeterla. Ha dichiarato di non aver paura l’ex ministro degli Interni, ma anzi di poter camminare a testa alta. “Mi tengo stretto l’articolo 52 della Costituzione” le sue parole rievocando le parole di Luigi Einaudi su politica e giustizia. Ha poi ricordato come arriverà il giudizio degli elettori per i parlamentari.

L’articolo 52 della Costituzione a cui ha fatto riferimento il leader della Lega evidenzia come la difesa della patria sia sacro dovere del cittadino.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Migranti sbarcano a Lampedusa con barboncino: sembravano vacanzieri