Alitalia: a chi spettano i rimborsi e come ottenerli

Ecco i dettagli sui rimborsi per i voli aerei cancellati da Alitalia. La compagnia comunica come occorre procedere per ottenerli.

Alitalia rimborsa i clienti che ne faranno richiesta per i voli cancellati successivamente al 3 giugno. Nel frattempo prosegue l’indagine dell’Antitrust per verificare se siano state adottate pratiche commerciali scorrette nei confronti dei consumatori. Ad oggi l’Antitrust non adotterà misure cautelari nei confronti di Alitalia

Per i voli cancellati da marzo fino al 2 giugno vengono sostituiti con voucher offerti in maniera unilaterale dalle compagnie. Il voucher ha durata di 12 mesi; nel caso in cui resti inutilizzato i passeggeri avrebbero diritto a vedersi rimborsato in denaro il prezzo del biglietto originariamente acquistato. 

A disposizione dei clienti ci sono dei canali di comunicazione più rapidi per evitare lunghe attese telefoniche. Alitalia invierà all’indirizzo email del cliente il link al sito della compagnia in cui sono contenute le informazioni necessarie e un modulo da compilare per chiedere il rimborso, o anche il voucher, che da questo momento in poi avrà una durata di 18 mesi. Nel caso in cui non si riceva questa email è possibile andare sul sito e aprire il link contenente la dicitura “Informazioni importanti per i passeggeri”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Twitter, due giovani e un adolescente arrestati per l’attacco informatico 

Alitalia: voli cancellati dal 3 giugno. Come funzionano i rimborsi

Alitalia
Alitalia (Getty Images)

Diversa la questione per i voli cancellati dal 3 giugno in poi, per cui i clienti potranno chiedere ad Alitalia un’altra prenotazione per un volo entro 7 giorni senza sostenere altri costi, oppure potranno chiedere un rimborso. E’ possibile che la compagnia offra voucher di valore maggiorato rispetto al biglietto già acquistato (15 euro per voli fino a medio raggio, 60 per quelli intercontinentali). Ad ogni modo per questi voli i clienti che vogliono il rimborso potranno averlo subito, senza aspettare i 18 mesi. Nel caso in cui prendano il voucher ma non lo utilizzino, dopo 12 mesi possono ottenere il rimborso, in questo caso senza maggiorazione.

 E’ possibile anche rivolgersi alle agenzie viaggi per chiedere il rimborso e resta ferma la possibilità di chiamare il call center per ottenere tutte le informazioni necessarie per la pratica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Nubifragio in Afghanistan, pesante bilancio: ci sono morti e dispersi