Bonus maggio: in arrivo da mille euro, per alcuni nuova domanda da fare
Bonus maggio: in arrivo da mille euro, per alcuni nuova domanda da fare

Bonus maggio: in arrivo da mille euro, per alcuni nuova domanda da fare

Bonus maggio: per alcuni arriverà automaticamente dopo quello di marzo e aprile, per altri bisogna fare una nuova domanda

Bonus maggio, in arrivo il sostentamento per autonomi e professionisti di mille euro. Dopo i seicento euro di marzo e aprile, ecco il nuovo aiuto previsto dal Decreto Rilancio ma questa volta con cifre maggiorate. Le somme dovrebbero essere stanziate nei prossimi giorni ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri parlando alla Commissioni Bilancio, appena ci sarà l’ok della Ragioneria dello Stato.

Per far fronte alle perdite o ai mancati introiti a causa dell’emergenza sanitaria, dopo il decreto Cura Italia, con quello di maggio la cifra arriva a mille euro.

Ma chi avrà diritto al bonus? I lavoratori che hanno rapporti di collaborazione coordinata e continuativa che hanno cessato il rapporto lavorativo prima dell’entrata entrata in vigore del decreto; i lavoratori stagionali e di somministrazione che non hanno più lavorato, non per propria volontà, dal 1 gennaio 2019 al  17 marzo 2020; i lavorati del Fondo dello Spettacolo ma per questo caso, a differenza di marzo, si allarga la platea dei richiedenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus auto 2020, quando si può chiedere e a quanto ammonta

Bonus maggio: chi dovrà fare nuova domanda all’Inps

bonus maggio
Documenti (Foto di Free-Photos da Pixabay)

Chi ha usufruito del bonus per i mesi di marzo e aprile, quello di maggio arriverà in automatico, invece ai liberi professionisti e partecipanti a studi associati o a società semplice dovranno formulare una nuova domanda.

Domanda da fare anche per i lavoratori stagionali e del turismo che non hanno ricevuto il fondo nei primi due mesi della pandemia.

Potranno beneficiare del bonus anche i lavoratori autonomi privi di Partita Iva ma iscritti alla Gestione Separata dell’Inps che hanno lavorato nel periodo al 1 gennaio 2019 al 23 febbraio 2020

Infine, i lavoratori stagionali di settori diversi da quelli che riguardano il turismo e degli stabilimenti balneari, con collaborazioni intermittenti e occasionali, potranno presentare adesso un’unica domanda valide per tutt’e tre le mensilità di bonus. Le domande dovranno essere presentate sul sito dell’Inps.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus vacanze 2020, la lista degli agriturismi aderenti