Esplosione a Beirut: l’incredibile gaffe del sottosegretario Manlio Di Stefano

Nell’ambito della violenta esplosione di Beirut, incredibile gaffe del sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri, Manlio Di Stefano: sbaglia la nazione

Incredibile gaffe di Manlio Di Stefano, politico ed esponente del Movimento 5 Stelle, sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri in entrambi i Governi Conte. Al centro della “terribile scivolone” c’è proprio l’esplosione di Beirut che ha causato quasi 100 morti e migliaia di feriti. Numero che purtroppo è destinato ad aumentare. Il sottosegretario in un post, messo su Twitter, ha scritto: “Con tutto il cuore mando un abbraccio ai nostri amici libici. Lo abbiamo già detto e lo ripeto anch’io: l’Italia c’è ed è pronta a dare tutto l’aiuto possibile. Coraggio”. Si fa presto a dire coraggio quando si leggono talune cose. Libici e non libanesi. Di Stefano confonde ampiamente il Libano (nazione in questione) con la Libia. Lo scritto diventa subito virale e lui si scaglia contro i “fenomeni da tastiera”.

gaffe di stefano beirut
La gaffe di Manlio Di Stefano, esponente del Movimento 5 Stelle (Screenshot Twitter)

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esplosione a Beirut, Trump: “Attacco terroristico”

Dopo la gaffe sull’esplosione di Beirut Di Stefano si scaglia contro i “fenomeni”

Prima la gaffe poi lo sfogo: Di Stefano contro i “fenomeni da tastiera”. Quando si è accorto di aver fatto davvero una pessima figura geografica, il sottosegretario ha prontamente cancellato il post su Twitter. Ma ormai era troppo tardi. Lo scritto era già diventato virale. Di Stefano, allora, è tornato alla carica sullo stesso social prendendosela con i “fenomeni” che, a detta sua, non fanno altro che stare lì, tutto il giorno, ad aspettare l’errore altrui: “C’è poco da scherzare con queste cose, ho sbagliato a scrivere, i morti invece restano, fenomeni”. Errore che sembra davvero grosso, al quale si poteva prestare un po’ d’attenzione. Un accorgimento in più e il gioco era fatto. Gioco che invece, con tanto di prese in giro, è stato poi portato avanti dagli stessi utenti di Twitter.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esplosione Beirut, militare italiano ferito: le sue condizioni