Conte: “L’Italia riparte soprattutto dalla scuola, lo garantisco”

Torna a parlare il premier in carica, Giuseppe Conte: il presidente del Consiglio italiano vuole ripartire soprattutto dalla scuola.

Giuseppe Conte torna a farsi sentire, soprattutto in vista del nuovo e prossimo Dpcm che considera, di fatto e nel suo essere, delle nuove riaperture. Il premier, durante un’intervista al Corriere della Sera, si è detto soddisfatto dell’operato del Governo durante tutto il corso della pandemia. Ora, però, è tempo di guardare ancora più avanti e di essere fiduciosi nei confronti di nuove aperture che porteranno grandi novità soprattutto nell’ambito della scuola. Il Presidente del Consiglio, infatti, ha parlato chiaramente e apertamente della situazione scolastica, riferendosi a tutti “gli addetti” del settore, nessuno escluso: “Riaprire le scuole è un impegno che sento forte dentro di me. È la mia ‘parola’ data ai giovani, famiglie, Paese. Il mio impegno con insegnanti e personale. La scuola riparte, non ci sono dubbi, lo garantisco io”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esplosione a Beirut, Trump: “Attacco terroristico”

Conte, mancata riapertura della scuola solo a una condizione

conte scuola
Giuseppe Conte durante una riunione europea a Bruxelles (Getty Images)

Giuseppe Conte è fiducioso, ma come ogni alta autorità statale mette in guardia tutti quanti: “Soltanto una nuova e fortissima impennata di contagi, ma io non voglio nemmeno pensare a questa eventualità, potrebbe frenare la riapertura e quindi una nuova ripartenza”. Coraggioso ma, come detto poc’anzi, anche molto prudente. Una linea mantenuta durante tutto il periodo che ha visto l’ascesa del coronavirus anche e soprattutto nel nostro Paese. Poi si lascia andare all’elogio verso l’Italia e al modello attuato finora: “Se adesso ci lodano tutti i governi stranieri vuol dire che qualcosa di buono abbiamo fatto. Io, tutto questo lavoro svolto, non voglio sprecarlo”. Niente sprechi, niente passi falsi, niente abbassamento di tensione. Ma la soddisfazione nel dire che qualcosa di buono è stato fatto c’è e si percepisce lontano un miglio.

Infine, il Presidente del Consiglio italiano conclude “salutando” tutti i suoi concittadini: “Voglio rivolgermi a tutti i cittadini italiani e dire loro che il ritorno alla normalità è ormai vicino. Queste aperture che inseriremo nel Dpcm lo dimostrano – afferma e poi conclude il premier in carica – Sono davvero convinto che tutti loro abbiano capito che questa politica dei piccoli passi, che procede con rigore e cautela, ci porterà fuori da una tragedia che ha coinvolto tutti quanti, nessuno escluso”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esplosione Beirut, militare italiano ferito: le sue condizioni