Vaccino Coronavirus, svolta allo Spallanzani: via ai test sull’uomo

Dal prossimo 24 agosto l’Ospedale Spallanzani di Roma vuole dare una svolta alle ricerche sul vaccino per il Coronavirus: partiranno i test sull’uomo

In tutto il mondo si continua a lavorare per trovare un vaccino contro il Coronavirus. La pandemia mondiale ha messo in ginocchio quasi tutti i paesi del globo, provocando tantissimi decessi e perdite economiche. Sono tantissime le aziende che si stanno impegnando per trovare questo vaccino, ma fino ad ora i passi avanti sono stati limitati. Dall’Italia però arriva un passo in avanti importante. Infatti all’Ospedale Lazzaro Spallanzani si è deciso che dal 24 agosto partiranno i test sull’uomo. A sottoporsi al test saranno circa 90 persone tra i 18 ed i 55 anni e tra i 65 e gli 85 anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, bollettino 7 agosto: 552 nuovi positivi, 3 i decessi

Coronavirus, allo Spallanzani partono i test del vaccino sull’uomo: 90 i volontari previsti

Coronavirus, report del Ministero: indice di contagio sopra l'1
Ricercatore al lavoro (Getty Images)

Un importante svolta per quanto riguarda il vaccino del Coronavirus. All’Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma dal prossimo 24 agosto infatti partirà la sperimentazione del vaccino sull’uomo. I test verranno effettuati su circa 90 persone di ambo i sessi, appartenenti ad un range di età compreso tra i 18 ed i 55 anni e tra i 65 e gli 85 anni, tutti necessariamente in buona salute. Importante per partecipare ai test sarà anche non aver partecipato ad altri studi clinici nell’ultimo anno ed essere iscritti al Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre, prima di essere valutato idoneo, bisognerà passare una visita, nella quale qualora si risultasse idonei, bisognerebbe effettuarne altre 8 nei successivi sette mesi, della durata di mezz’ora ciascuna. Infine, il giorno in cui si effettuerà il test, bisognerà restare in osservazione per quattro ore. Tutti i dettagli per la candidatura vengono pubblicati proprio dall’Istituto Spallanzani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus USA: lo studio shock, quante vittime entro Natale