Usa, Amazon: ottenuto il permesso per le consegne via drone

Amazon ha ottenuto il via libera per Prime Air, il servizio delivery via drone, dall’ente USA Faa (Federal Aviation Authority). 

Enorme passo avanti per le consegne via drone. Dagli Usa la notizia che Amazon ha ottenuto dell’ente regolatore americano Faa (Federal Aviation Authority), l’autorizzazione per le consegne tramite drone. Uno storico traguardo per l’azienda di Jeff Bezos, che aveva pensato da molti anni a una soluzione simile, difficilissima però da mettere in atto. La Prime Air, servizio creato nel 2013 da Amazon per la consegna via aerea, ha dovuto rivedere i piani d’azione moltissime volte. L’obiettivo, secondo i proprietari dell’azienda e-commerce più importante al mondo, sarebbe quello di riuscire a consegnare un pacco in 30 minuti. La certificazione consente ad Amazon inoltre di cominciare le consegne in un periodo di prova, non è ancora stata avanzata un’ipotesi sulle date di introduzione del servizio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Oggetti sospetti sul volo Ryanair: italiano arrestato per terrorismo

Usa, passo avanti di Amazon per le consegne via drone

La Amazon ha messo a segno un grandissimo risultato. L’ente statunitense Faa ha dato il via libera alle consegne via drone. Il certificato permetterà la conduzione dei dispositivi fuori dal raggio visivo del pilota, il quale potrà effettuare la consegna. Consegna aerea sognata più volte dal team Amazon, che già da moltissimi anni era al lavoro per sviluppare tali tecnologie e servizi. Una visione futuristica della consegna, per la più rinomata agenzia di e-commerce mondiale, la quale fa un clamoroso passo in avanti. Anche David Carbon vicepresidente Amazon a capo del progetto Prime Air, ha esternato la sua felicità in una nota. Nei prossimi mesi, le normative dovranno chiarire diversi aspetti tecnici sulla consegna aerea, le quali avranno bisogno di seguire un itinerario preimpostato ed essere in grado di garantire la salvaguardia da furti o smarrimenti del pacco o del drone stesso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > La Barilla attacca: “Lega, nessuna autorizzazione sul marchio Ringo”