Rissa sull’aliscafo: Sal Da Vinci aggredito per difendere Fatima Trotta

Disavventura per Sal Da Vinci, che questa mattina è rimasto coinvolto in una rissa sull’aliscafo da Procida a Napoli: ferito il figlio

Questa mattina, 2 settembre, il cantante Sal Da Vinci è stato vittima di un aggressione sul traghetto Procida-Napoli. La rissa che ha coinvolto Sal Da Vinci, è scaturita con un passeggero a causa di un bagaglio sistemato male. Il cantante è stato colpito più volte così come il figlio, intervenuto per difenderlo, e Fatima Trotta. Proprio la presentatrice avrebbe scatenato l’ira del passeggero che vedendosi spostati i bagagli avrebbe inveito in maniera volgare verso la donna. L’attore originario di New York è a quel punto intervenuto in difesa della donna, ricevendo di tutta risposta un pugno in faccia. Sal Da Vinci ha riportato una contusione alla mandibola e al costato. Subito il comandante dell’imbarcazione ha avvertito le forze dell’ordine, che hanno sedato la rissa. Il cantante ha sporto denuncia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Rovereto, perdita nello stabilimento farmaceutico Sandoz: rischio chimico

Rissa sull’aliscafo, coinvolto Sal Da vinci: la ricostruzione

Polizia
Polizia (Foto Facebook Polizia di Stato)

Il cantante Sal Da Vinci è stato pestato in una rissa avvenuta a bordo dell’aliscafo Procida-Napoli. L’uomo si trovava sull’isola per la Sagra del Mare, e oggi mentre faceva ritorno a Napoli è stato protagonista di un litigio con un altro passeggero. Secondo la ricostruzione dello stesso cantante, un passeggero avrebbe inveito contro Fatima Trotta, e mentre tornava al suo posto i due hanno avuto un’accesa discussione, tramutata poi in rissa con pugni e spintoni. Sal Da Vinci è stato colpito con un pugno in faccia, così come il figlio Francesco intervenuto in difesa del padre, il quale ha rimediato una contusione al labbro. Anche Fatima Trotta ha rimediato un ematoma nella colluttazione. Una volta arrivati a Napoli sono scattate le querele. Anche il sindaco di Procida ha esternato la vicinanza all’artista.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > È morto Philippe Daverio, storico dell’arte