Donald Trump candidato al Nobel per la pace: la motivazione

Il presidente Donald Trump ha ricevuto la candidatura al Premio Nobel per la Pace.

Si avvicina il periodo in cui emergono le possibili candidature al Premio Nobel per la Pace, l’unico assegnato in Norvegia e non in Svezia. Infatti è il parlamento norvegese ad assegnare il premio attraverso una commissione formata da cinque persone. Proprio attraverso un deputato conservatore del Partito del Progresso, il 51enne Christian Tybring-Gjedde, arriva una candidatura inaspettata: il presidente americano Donald Trump. La motivazione per la candidatura, secondo il parlamentare nazionalista, è l’impegno di Trump per pacificare il Medio Oriente. Nelle ultime settimane infatti gli Emirati Arabi Uniti e Israele hanno firmato un accordo con cui la potenza araba mette fine all’embargo verso Gerusalemme. Il presidente Trump ha sostenuto con forza questo trattato, sostenendo di esserne stato l’artefice principale. La notizia della candidatura arriva a poche settimane dalle voci messe sul tavolo dal consigliere statunitense per la sicurezza Robert O’Brien.

LEGGI ANCHE >>> Matteo Salvini, aggressione a Firenze dopo un comizio elettorale

Donald Trump candidato al Nobel, gli altri vincitori

donald trump nobel pace
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump (Getty Images)

Non è la prima volta che Donald Trump viene candidato al Nobel per la Pace. Nel 2018 infatti Christian Tybring-Gjedde aveva già presentato la candidatura al parlamento norvegese. Quell’anno però il Nobel per la Pace andò al congolese Denis Mukwege e all’iraqena Nadia Murad. I due hanno ricevuto il premio per il loro impegno per mettere fine alle violenze sessuali durante i conflitti armati. L’anno dopo il premio andò al primo ministro dell’Etiopia Abiy Ahmed Ali, per aver ricucito i rapporti tra il suo paese e l’Eritrea. L’unico italiano a vincere il Premio Nobel per la Pace è stato Ernesto Teodoro Moneta, che lo vinse nel 1907.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lesbo, incendio al campo profughi più grande d’Europa. Pericolo Covid