Milano, pugno sul volto al borseggiatore: l’uomo finisce in coma

A Milano, un uomo, per cercare di fermare un borseggiatore gli sferra un pugno sul volto: quest’ultimo finisce in coma.

Gesto di follia nella follia stessa. Succede nella metro di Milano. I protagonisti sono due aggressori, anche se in diversa misura e intensità. Un uomo entra in stazione, esattamente alla fermata di Sesto Primo Maggio e dopo pochi minuti tenta di rubare una borsa a una passeggera che si trova all’interno della stessa metro rossa. Di lì a pochi secondi entra in scena un terzo uomo che sferra, letteralmente parlando, un pungo in testa al borseggiatore di turno. Quest’ultimo cade a terra tramortito e privo di sensi. Dopo pochi minuti viene portato di corsa in ospedale: ora è in coma. Una scena, come detto a inizio racconto, di follia nella stessa follia. Per fare un professionista del crimine un altro uomo si tinge le mani di “rosso” nella stessa metro rossa di Milano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa, ameba mangia cervello uccide 13enne: tragedia al lago

A Milano il borseggiatore dritto in coma: il pungo sul volto è fatale

borseggiatore milano pugno
Ambulanza (gettyimages)

Tanti dicono che è lo stress. Altri ancora il periodo serrato che stiamo vivendo dal lockdown fino a oggi. Per altri ancora è solo sinonimo di violenza. Un applauso, certo, per aver fermato un borseggiatore e aver aiutato la donna. Resta il fatto, però, che i modi sono del tutto sbagliati. Il ragazzo entrato in azione si poteva limitare a recuperare la borsa senza mandare in coma nessuno. In coma, invece, è finito un altro ragazzo, di appena 30 anni.

A riportare l’accaduto e il succedersi dei fatti sarebbero stati i carabinieri di Sesto che, assieme ai militari della zona, non hanno potuto bloccare in tempo l’aggressore del borseggiatore, in quel momento fermo e immobile a terra. Una vicenda davvero folle per una fine altrettanto pazza. Ora scatteranno altre indagini che, grazie alle telecamera di sorveglianza, potranno chiarire meglio il fatto accaduto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio Willy, i Bianchi in carcere: “Abbiamo paura”. Le richieste