Meghan Markle: cosa prevede l’accordo con Netflix 

Meghan Markle ha siglato un accordo con Netflix. Ora vengono resi noti i dettagli del contratto. Tra i vari progetti ce n’è uno che sta molto a cuore alla duchessa del Sussex.

E’ il momento della svolta per Meghan Markle e Harry; la coppia reale, dopo essersi allontanata dalla famiglia e dal Regno Unito per trasferirsi in California, nella loro super lussuosa villa, ha finalmente trovato lavoro. Inizialmente pareva che la loro nuova vita facesse fatica a decollare, però adesso le cose sono cambiate e non è un cambiamento di rilevanza trascurabile. Pochi giorni fa è infatti arrivata la notizia dell’accordo siglato tra il colosso canadese dello streaming, Netflix e il Principe Harry e la sua consorte, la duchessa di Sussex, Meghan Markle.

Soltanto adesso però riusciamo a sapere qualcosa di più dei termini di questo accordo multimilionario: la coppia reale ha intenzione di occuparsi della produzione di film, documentari e show per bambini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Famiglia reale: i nomignoli che si danno in privato

Netflix e la duchessa del Sussex insieme per una nobile causa

Megan Markle
Megan Markle (Getty Images)

In base a quanto riportato dal Daily Mirror, Meghan vorrebbe anche produrre un film su Patrisse Cullors, si tratta di uno dei co-fondatori del movimento BLM (Black Lives Matter, il movimento per i diritti sociali delle persone di colore). La decisione di produrre la pellicola nasce dall’interesse che la storia di Patrisse ha suscitato in Meghan. La co-fondatrice del movimento, infatti, è impegnatissima nella battaglia per i diritti delle persone di colore, battaglia in cui crede tantissimo e per la quale ha fondato l’organizzazione nel 2013, con Opal Tometi e Alicia Garza.

Per questo motivo la duchessa del Sussex ha pensato che fosse necessario raccontare la storia di questa donna da voler essere lei a farlo. Oggi è più importante che mai dare rilievo al movimento BLM, specie a causa di tutti i disordini scoppiati negli Stati Uniti in seguito al crudele assassinio di George Floyd da parte di un membro delle forze dell’ordine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Spotify contro Apple: “È abuso di potere”. Cosa è successo