Razzismo al Gf Vip: gli altri casi di squalifica al Grande Fratello

Decisione del GF dopo il caso Fausto Leali-razzismo. È arrivata l’ufficialità per quanto riguarda il destino del cantante. Fausto Leali salvato dopo dichiarazioni razziste.

Grande Fratello Vip - Alfonso Signorini
Alfonso Signorini – GFVIP (foto Instagram)

La quinta edizione del Grande Fratello Vip inizia con il botto. Appena una settimana dopo l’inizio della trasmissione infatti il primo grande colpo di scena che riguarda un inquilino che si era “rinchiuso” solo sette giorni fa.

Alfonso Signorini apre con una panoramica sull’uso delle parole e del loro peso. Prendendo in considerazione la parola “negro“, usata recentemente da Fausto Leali, accusato così di dichiarazioni a stampo razziale e razzista all’interno della casa.

Il noto cantante italiano, già al centro di una polemica per le sue esternazioni prima di entrare nella casa (“lo faccio per soldi“), si è lasciato andare in settimana a un’uscita decisamente infelice, considerata evidentemente offensiva. Per di più pronunciata in una conversazione con Enoch Balotelli. Per questo la decisione della produzione ha pensato di squalificare Fausto Leali. Produzione che, alla fine, ha scelto di essere clemente.

L’eventuale cacciata di Leali non sarebbe stata l’unica nella storia del Grande Fratello. Tra bestemmie, violazioni del regolamento e comportamenti non consoni, anche altri concorrenti hanno dovuto “sottostare” alla legge del GF.

Non solo Fausto Leali e il razzismo. Le altre squalifiche al Grande Fratello

Grande Fratello Vip
Grande Fratello Vip (foto Facebook)

Fausto Leali sarebbe stato in buona compagnia per quanto riguarda i concorrenti squalificati e cacciati dalla casa del Grande Fratello. Basta fare un salto indietro di appena un’edizione del GF Vip quando il buon Salvo (che fu tra gli inquilini della prima storica edizione) venne fatto uscire a seguito di affermazioni violente e sessiste nei confronti di un’altra concorrente.

La prima concorrente in assoluto a subire il “ban” fu Luana, nel GF2, che fu cacciata dopo un controllo da parte della produzione, che scoprì nel passato della donna una partecipazione a Miss Italia nel Mondo, contravvenendo così al regolamento del programma.

Guido Genovesi, partecipante della quarta edizione del programma, fu invece il primo a essere stato cacciato per “bestemmia”; pronunciata tra l’altro in diretta tv. Stessa sorte che toccò, 4 anni dopo, a Mirko Sozio, nel 2010 a Massimo Scattarella e l’anno successivo a Nathan Lelli e Pietro Titone. Federica Rosatelli, al GF9, venne fatta uscire invece per aver lanciato un bicchiere a un altro concorrente.

Daniel Mkongo, entrato nella casa dell’edizione numero 12, ci mise appena 15 giorni (dall’entrata) per farsi cacciare anche lui per bestemmia. Nel 2018, Grande Fratello 15, Baye Dame venne cacciato per aver aggredito fisicamente una sua coinquilina.

Per quanto riguarda il Grande Fratello Vip, invece, il primo storico concorrente a essere cacciato fu Clemente Russo, per frasi sessiste nei confronti di Simona Ventura. Una lunga lista quella dei concorrenti cacciati dalla casa più famosa d’Italia. Alla quale va aggiunto anche il nome di Leali.