Solferino, due fratelli gemelli accoltellati dal cugino. Uno è grave

Due fratelli albanesi sono stati accoltellati a Solferino dal cugino. Uno è grave ma non ci sono notizie sui motivi dell’aggressione

carabinieri torino
Carabinieri a Solferino (Fonte Facebook)

Nel pomeriggio di venerdì 25 settembre, alle ore 18.30 circa nella piazza di Solferino (Mantova), sono stati accoltellati due fratelli gemelli albanesi di 36 anni. L’aggressore è il cugino dei due che si è dato alla fuga subito dopo averli colpiti e del quale se ne stanno occupando i carabinieri di Castiglione delle Stiviere.

Uno dei due fratelli è in gravi condizioni e attualmente si trova al Poliambulanza di Brescia con profonde ferite all’addome, mentre l’altro uomo è ricoverato all’ospedale di Castiglione delle Stiviere. I carabinieri che hanno seguito il cugino, sono intervenuti subito in piazza Marconi dove è avvenuta l’aggressione e, secondo prime ricostruzioni, i due fratelli, entrambi muratori e che vivono in posti separati (uno a Solferino e l’altro a Cavriana), si trovavano in un bar quando all’improvviso è arrivata una macchina.

Dall’auto è sceso il cugino che si è poi avvicinato ai due fratelli colpendoli più volte con diversi fendenti. I due hanno cercato di difendersi e a quel punto l’uomo è tornato in macchina e si è dato alla fuga per poi essere rintracciato dai militari e bloccato a Ponti sul Mincio. Non si hanno notizie sui motivi dell’aggressione. Le vittime vengono descritte in paese come persone brave, grandi lavoratori e soprattutto con la testa a posto.

Potrebbe interessarti anche ->Parigi, attentato vicino la Bastiglia: obiettivo Charlie Hebdo – LIVE