Nuovo DPCM, la firma del Premier Conte slitta a domani

Stasera alle 20:30 il Presidente dei Ministri, Giuseppe Conte, avrebbe dovuto parlare per introdurre un nuovo DPCM. La firma però è slittata a domani, si attende ancora per le nuove restrizioni.

conte nuovo lockdown genova milano napoli roma
Il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte (Getty Images)

Questa sera era atteso il discorso del Premier Conte, alle 20:30, che avrebbe introdotto il nuovo DPCM. I cittadini italiani erano tutti in fermento, davanti alla televisione, in attesa di conoscere le nuove restrizioni per combattere il coronavirus. In queste ultime settimane abbiamo assistito a una risalita dei contagi e per contrastarla c’è bisogno di nuove direttive. Secondo una prima bozze, le misure dovrebbero entrare il vigore tra il 24 e il 25 ottobre. Queste sarebbero poi in vigore fino al 24 novembre.

Gli italiani temono un nuovo lockdown, una chiusura totale che non potrebbe essere sopportata come si è svolta a marzo. Le misure riguardano un rallentamento di alcune attività, in particolar modo quelle che vengono considerate non essenziali.  Tra i punti principali del dpcm ci sarebbero lo stop di: teatri, musei, sale scommesse mentre per i bar e ristoranti chiusura entro le 18. Per la scuola, il primo ciclo potrà svolgere le lezioni in presenza, mentre per le superiori la DAD al 75%. Inoltre si raccomanda di non spostarsi dal proprio Comune.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>> De Luca incontra il Governo: la sua proposta spaventa Napoli

Giuseppe Conte nuova riunione con i capi delegazione: la firma slitta a domani

Conte nuovo dcpm
Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte (Getty Images)

La firma del nuovo DPCM era prevista per stasera, ma a quanto pare sarebbe slittata a domani. E’ ancora in corso la riunione con i capi delegazione per discutere delle nuove misure restrittive per combattere la risalita dei contagi. La bozza che era stata pensata è in modifica, molti infatti non sono d’accordo sulla chiusura alle 18 per i bar e i ristoranti.

Inoltre ancora non si è trovato un punto di incontro per quanto riguardano le palestre e le piscine. Finora era stato consentito l’attività sportiva individuale e quella delle palestre nel rispetto dei protocolli, ma non ci resta che aspettare la firma ufficiale di domani per sapere con sicurezza quali sono le attività che verranno chiuse.