Covid, in Campania nuove zone rosse: contagi record

L’emergenza Covid continua a tenere in scacco la Campania. De Luca istituisce due nuove zone rosse a seguito dei contagi record registrati: incrementi dell’800%.

covid natale
Ragazza in macherina (Getty Images)

A Marcianise e Orta di Atella il presidente della Campania Vincenzo De Luca ha istituito due nuove zone rosse. Il provvedimento a seguito di un sostanziale aumento dei contagi nei comuni, rispettivamente del 448% e dell’800%. Numeri esemplificativi dell’emergenza Covid nella regione e che hanno convinto il governatore ad agire chiudendo i due paesi.

De Luca ha firmato il nuovo decreto che di fatto “isolerà” i due centri urbani della provincia di Caserta fino al prossimo 4 novembre. Viene esclusa la zona industriale di Marcianise, situata lontana dall’area urbana. Rimane vietato entrare o uscire dai due comuni, tranne che agli operatori di attività sanitarie o di prima necessità. Da domani quindi sarà vietato per i cittadini allontanarsi dalle proprie abitazioni se non per esigenze di urgenza, necessità o approvvigionamento. Chiudono anche i negozi fatta eccezione per alimentari e cura della persona. Abbassano le serrande anche gli uffici pubblici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Conte, le norme del nuovo Dpcm

Covid Campania, nuove zone rosse : cosa rimane aperto nei due comuni

nuovo lockdown roma milano napoli genova
Torna l’incubo lockdown in alcune città (Getty Images)

Come già specificato dal Premier Conte nella conferenza stampa di oggi i ristoranti e i bar dovranno chiudere, fatta esclusione per la domenica, alle ore 18. Dalle 6 del pomeriggio in poi saranno attivabili i servizi di home delivery. Discorso analogo a quello di Marcianise e Orta di Atella dove, tra le altre attività, rimarranno aperte edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie ma non i mercati. Sono esclusi dai divieti i servizi bancari, assicurativi, finanziari.

Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca (Getty Images)

Rimane quindi vietato entrare o uscire dai due comuni, fatta eccezione per alcune precise categorie di lavoratori. Tra questi gli operatori di attività sanitarie o di prima necessità. Scongiurato, almeno per ora, un lockdown generale in tutta la regione, come anticipato solo qualche giorno fa dal governatore campano De Luca. C’è attesa per conoscere i numeri di contagi, decessi e terapie intensive delle ultime 24 ore.