Covid 19, lattoferrina ultima speranza: cos’è e a cosa può servire

Pare sia stato scoperto un metodo per vincere la battaglia contro il Covid-19. Un gruppo di scienziati di Roma ha dimostrato che la lattoferrina può essere un’arma efficace.

Covid-19 lattoferrina
Laboratorio (Fonte GettyImages)

La pandemia globale causata dal SARS-CoV-2, generalmente noto come Covid-19, ha da sempre colpito in maniera più leggera i bambini. Ovviamente non sono mancati casi rarissimi, ma dolorosi di morti infantili dovute al Coronavirus. Tuttavia, in linea generale risultano essere principalmente asintomatici o con sintomi molto lievi. Elena Campione, scienziata dell’Unità di Dermatologia dell’Università di Roma, ha deciso di studiare ed analizzare la lattoferrina. Si tratta di una glicoproteina attiva principalmente nei bambini e legata all’immunità naturale, inoltre si trova anche nel latte di tutti i mammiferi.

Molti studiosi avevano giù preso in considerazione la possibilità che la lattoferrina potesse essere un’arma efficace contro il Covid-19. Il motivo è dovuto alle sue caratteristiche antivirali e antinfiammatorie. Studi recenti dimostrano che  molto probabilmente ci troviamo di fronte a una possibile soluzione per debellare il Coronavirus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Covid-19, Il bollettino del Ministero della Salute del 29 Ottobre

Covid-19, gli scienziati puntano tutto sulla lattoferrina

covid 19 lattoferrina
Covid-19 (Fonte GettyImages)

Secondo quanto riportato dal comunicato stampa dell’ateneo romano, la lattoferrina ha determinate capacità che riuscirebbero a frenare la potenza del Covid-19. Questa glicoproteina è in grado di “eliminare” il ferro presente nelle aree infiammate e in questo modo lo toglie agli agenti patogeni come il nuovo virus SARS-CoV-2. La lattoferrina è quindi in grado di depotenziare il virus e andare a dare maggiore forza al sistema immunitario.

La dottoressa Campione e i suoi colleghi hanno iniziato la sperimentazione di tale sostanza. Questa è stata somministrata a pazienti risultati positivi al Coronavirus, asintomatici o con sintomi molto lievi. In 12 giorni i soggetti che si sono sottoposti alla sperimentazione si sono negativizzati e i loro sintomi sono completamente spariti. Chiaramente si tratta di uno studio alle prime fasi per cui saranno necessari successivi approfondimenti. Bisogna  testare e verificare l’effettiva efficacia preventiva della lattoferrina. I risultati promettono molto bene, ma mancano ancora delle prove scientifiche.

Il virologo Roberto Burioni contrario alla lattoferrina: “Non esistono prove scientifiche”

covid 19 lattoferrina
Roberto Burioni (Fonte screen-shot)

La possibilità di poter usare la lattoferrina come arma per rallentare il Covid-19 è una notizia che ha sorpreso e incuriosito molti. Infatti, il virologo Roberto Burioni ha dichiarato tramite social che molto spesso gli domandano se questa glicoproteina possa funzionare realmente. La risposta dello scienziato è stata senza mezzi termini, Burioni ha annunciato che non ci sono prove scientifiche per poter affermare che si tratti di una soluzione affidabile e sicura. Dunque, la scienza non ha ancora prodotto evidenze tali per cui si possa attestare che la lattoferrina possa essere utilizzata per curare o prevenire il Covid-19.