X Factor, polemica sul pubblico in studio: la risposta della produzione

X Factor torna su Sky Uno, ma è già polemica contro il pubblico in sala. Molti hanno criticato la scelta della produzione: sarebbe irrispettoso nei confronti di teatri e cinema.

polemica pubblico
Giudici X-Factor (screenshot Instagram)

In apertura della prima puntata di X-Factor, Alessandro Cattelan si è emozionato per la presenza del pubblico in sala. La differenza c’è e si nota, è importante per un programma televisivo avere un pubblico presente soprattutto se si tratta di un talent show. Emma Marrone ne sa qualcosa, d’accordo con Cattelen ringrazia gli autori e la produzione per questa importante presenza. Ma non tutti hanno apprezzato il pubblico presente in sala, sul web si sono subito scatenate tantissime polemiche.

X-Factor è tornato su Sky Uno e si sono già scatenati le prime discussioni sul web, soprattutto su Twitter a cui non sfugge mai nulla. Le polemiche riguardano in questo caso il pubblico presente in sala. Per molti utenti infatti sarebbe una forte mancanza di rispetto per i cinema e i teatri. In questo periodo, sappiamo che a causa delle restrizioni dovute al coronavirus, molte attività hanno dovuto chiudere e il pubblico da casa non ha molto apprezzato la scelta della produzione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>> X Factor, cominciano i live: ecco gli inediti dei concorrenti

Polemica sul pubblico, la produzione risponde: “sono figuranti”- FOTO

Emma Marrone, nuovo giudice di X-Factor, è stata piacevolmente colpita dalla presenza del pubblico in sala. Come lei anche Cattalen era molto emozionato, dopo un periodo così difficile avere la presenza e il supporto delle persone fa molto piacere. Ma non tutti sono stati felici di questa decisione. Il pubblico ad X-Factor c’è, nel rispetto di tutte le precauzioni e i protocolli di sicurezza contro il coronavirus. Si tratta infatti di figuranti, persone pagate e con le dovute autorizzazioni.

Il web insorge, una scelta che non è stata particolarmente apprezzata perché irrispettosa nei confronti di cinema e teatri che sono stati obbligati a chiudere a seguito del nuovo DPCM. Ma non è finita qui, molti hanno criticato il programma perché permette ai figuranti di fare tamponi e controlli senza dover fare le interminabili file di attesa.