“Satana è di sinistra” la tesi di Radio Maria spaventa il Papa: “Sei scemo?”

L’Italia sta affrontando una delle emergenze sanitarie più distruttive degli ultimi anni. Radio Maria sostiene che sia tutto un complotto della sinistra.

radio maria
Padre Livio (Fonte screen-shot)

La pandemia globale che ha compito il mondo intero all’inizio dell’anno è sicuramente uno degli argomenti più discussi su qualsiasi canale di comunicazione. Ognuno ha la sua opinione a riguardo nonostante la comunità degli scienziati più volte si è espressa sostenendo la reale esistenza di questo virus e tutta la sua gravità sottolineando ce non si tratta di una semplice influenza.

Le cospirazioni portate avanti sono state tantissime, si è passati da chi sostiene che il Coronavirus sia stato creato in laboratorio dai cinesi per controllare il mondo a chi sostiene che sia una punizione divina. Insomma, non solo dobbiamo fare i conti con una delle pandemie più gravi e distruttive degli ultimi anni, ma anche con menti ricche di immaginazione. Ma non finisce qui, l’ultima arriva direttamente dal Radio Maria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Lutto per Papa Francesco: se l’è portato via il coronavirus

Papa Francesco convoca il direttore di Radio Maria

radio maria
Papa Francesco (Fonte GettyImages)

Stando a quanto riporta L’Espresso, Radio Maria ha dichiarato che il Coronavirus è un complotto della sinistra e che Dio, invece, è di destra. Ovviamente si tratta di una dichiarazione con un forte peso, molto importante tanto da scomodare la più alta carica del mondo ecclesiastico. Pare che Papa Francesco abbia convocato il direttore di Radio Maria, Padre Livio. Secondo la teoria, o meglio complotto, di Padre Maria il Covid-19 è stato mandato da élites mondiali che vogliono trasformare tutti gli uomini in zombie e le donne in meretrici.

La domanda posta dal Papa al direttore di Radio Maria è stata molto semplice e senza mezzi termini, “ma sei scemo?”. Purtroppo non sappiamo la riposta di Padre Livio e neanche l’intera conversazione alla quale avremmo voluto partecipare con molto piacere. Ci auguriamo che dopo questo incontro Radio Maria non continui a trasmettere notizie fale né complottistiche.