Stampano manifesti e organizzano funerale: poi la sorpresa

Clamoroso quanto avvenuto a Foggia. Il signor Fernando, ricoverato in gravi condizioni affetto da Covid, viene dato per morto dalla struttura. Manifesti funebri stampati, ma lui è ancora vivo.

Jair Bolsonaro
Covid – Getty Images

Ricoverato per Covid dato per morto a Foggia, ma è un errore dell’ospedale – I famigliari avevano già fatto stampare i manifesti funebri, tappezzati per tutto il paese, e le onoranze funebri erano state contattate per organizzare il funerale. Non fosse altro che il signor Fernando, seppur in gravi condizioni, era ancora vivo nel suo letto d’ospedale a Foggia dove è ricoverato. L’anziano, 86 anni, da tempo è tenuto sotto osservazione dal personale medico nel reparto Covid della struttura, ma evidentemente qualcosa è sfuggito a qualche infermiere. Tanto che, nel cuore di una delle ultime notti, la famiglia era stata svegliata da una (presunta) comunicazione da parte del Policlinico Riuniti di Foggia: il signor Giancarlo era morto.

L’anziano è ricoverato dallo scorso 6 novembre a seguito dell’esplosione di un focolaio che in una Rsa cittadina aveva contagiato tutti gli ospiti. Tra i più gravi anche il signor Fernando, dato incredibilmente per morto alle 2:44 della notte tra il 18 e il 19 novembre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> La polizia lo multa, ma lui era morto da giorni

Foggia, ricoverato Covid dato per morto: ma è ancora in vita

Covid-19
Ospedale Covid-19 (Fonte GettyImages)

Dopo la comunicazione la famiglia del signor Fernando si è subito adoperata per organizzare il funerale, contattando l’agenzia e facendo stampare (e poi affiggere) i manifesti del caso. Non fosse che, qualche ora dopo, un nuovo avviso dal Policlinico: l’anziano era ancora in gravi condizioni nel suo letto d’ospedale. Il tutto pochi minuti prima che l’agenzia funebre si muovesse verso il pronto soccorso dove era ricoverato l’uomo, per ritirare la salma e metterla nella bara.

ospedale
Ospedale (Getty Images)

Lo sconforto generale ha lasciato spazio all’incredulità e poi allo sdegno: la famiglia ha contattato un avvocato per presentare un esposto in Procura. “Chiediamo solo che sia fatta immediatamente chiarezza” fanno sapere.