Riapertura scuole, la Azzolina se la prende… con lo shopping

Lucia Azzolina ha rilasciato delle interessanti dichiarazioni per quanto riguarda la riapertura delle scuole e la gestione del Natale. Di seguito il pensiero del ministro dell’istruzione

Azzolina (getty images)
Azzolina (getty images)

La morsa del Covid-19 continua ad attanagliare l’Italia. La curva dei contagi sembra in appiattimento, ma i ricoveri in terapia intensiva sono ancora molti. E’ difficile reggere per il sistema sanitario di gran parte delle regioni italiane, ormai saturi e vicini al collasso. Diversi territori, inoltre, restano zona rossa e molti altri arancioni, segno che la seconda ondata della pandemia è ancora nel vivo nel nostro Paese.

In una situazione del genere e in attesa di un vaccino che dovrebbe arrivare a partire dai primi mesi del 2021, in molti si chiedono come sarà possibile trascorrere il Natale e le feste che seguono. Il Governo potrebbe proporre delle deroghe e tentare di incentivare il commercio, nonostante il triste evolversi dei contagi da Covid-19. Molte proposte sono sul tavolo di Giuseppe Conte che dovrà decidere quale sia la soluzione più saggia da adottare. Di certo, non potrà essere un Natale come tutti gli altri.

LEGGI ANCHE >>> Covid, De Luca furioso con Conte e Azzolina: “Chiedete scusa”

Lucia Azzolina tra lo shopping natalizio e la riapertura delle scuole: le sue parole

Azzolina riapertura scuole (getty images)
Azzolina (getty images)

A tal proposito, ha parlato quest’oggi Lucia Azzolina. Il ministro dell’istruzione del Governo Conte ha espresso una posizione molto netta sul tema in occasione della registrazione di ‘Sette Storie’ su Rai1. Di seguito le sue dichiarazioni: “Non si può immaginare che nel mese di dicembre ci siano le strade affollate nel pomeriggio, mentre le scuole superiori sono chiuse la mattina“. Il ministro ribadisce poi l’importanza di riaprire le scuole in Italia: “Nell’ultimo periodo il sistema sanitario era in affanno. Tutto il Paese ha dovuto sacrificarsi e anche la scuola ha dato una mano. Mi auguro che sia una parentesi brevissima. Gli studenti hanno diritto di stare a scuola per più tempo possibile”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Speranza sul Natale: “Spostamenti? Se tutta Italia è zona gialla”