Maradona, nuovo retroscena: cosa è successo prima della morte

A pochi giorni di distanza dalla morte di Maradona emergono nuovi retroscena sulla scomparsa del Pibe de Oro. Dall’Argentina rivelano: cosa è successo prima del decesso.

Maradona (getty images)
Maradona (getty images)

In Argentina sono appena terminati i tre giorni di lutto nazionale indetti per la morte di Diego Armando Maradona. Mercoledì scorso, nel pomeriggio italiano, la notizia che ha scosso tutto il mondo del calcio ma non solo. Il Pibe de Oro se ne era andato, stroncato da una crisi cardio respiratoria che se l’è portato via all’età di 60 anni. Meno di un mese fa aveva celebrato il compleanno, proprio a ridosso di una delicata operazione al cervello alla quale si era sottoposto agli inizi di novembre.

Mentre in Argentina impazza la corsa all’eredità dell’ex campione da parte dei suoi parenti, e proseguono le indagini sul medico curante del Pibe de Oro, emergono anche altri retroscena su cosa è successo prima della morte del Dies albiceleste. Uno di questi parla di una caduta di Maradona circa una settimana prima di morire, che l’aveva portato a sbattere la testa (ma dal lato non operato). Un duro colpo per l’ex calciatore che, nonostante ciò, non venne portato in ospedale per accertamenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Cabrini, fanno discutere le sue parole su Maradona

Morte Maradona, Tardelli risponde a Cabrini

marco tardelli italia
Getty Images

Il retroscena è stato svelato da Rodolfo Baqué, il legale di Gisela Madrid, l’infermiera entrata in turno alle 7.30 del mercoledì mattina, poche ore prima del decesso del Pibe de Oro. L’avvocato ha voluto mettere in evidenza il fatto che Maradona fosse stato quasi abbandonato a sé stesso dal proprio medico personale, che decise di non portarlo in ospedale per ulteriori verifiche dopo il colpo alla testa.

maradona
 (Fonte GettyImages)

Intanto recentemente Marco Tardelli, che di Maradona fu avversario in campo sia con la nazionale che in Serie A, ha voluto rispondere a distanza alle parole del suo ex compagno Cabrini, secondo il quale se Diego avesse giocato nella Juve non avrebbe fatto questa fine. “Se Maradona avesse giocato alla Juventus credo che non sarebbe stato Maradona, quel genio che è stato” ha detto l’ex centrocampista bianconero.