Cos’è il bonus mamma domani 2021: chi ne ha diritto e come richiederlo

Il bonus mamma è un aiuto economico decisamente interessante per le neo-madri che possono usufruirne. Di seguito chi vi rientra, l’importo e le modalità con cui richiederlo

Bonus mamma (getty images)
Neonato (getty images)

In un periodo di grande crisi economica e in tempi di pandemia da Covid-19, gli aiuti da parte del Governo costituiscono uno strumento fondamentale per supportare tantissime famiglie. I danni causati dal virus si ripercuotono direttamente sulle attività di tantissimi italiani costretti alla chiusura o a sopportare perdite economiche veramente enormi a causa della pandemia.

Il Governo discute della manovra e già dalla scorsa primavera, durante la prima ondata, ha fatto partire degli aiuti economici mirati ad assistere le famiglie in un momento tanto difficile. Si pensi al bonus bebè o al bonus baby sitting: sono solo alcune delle misure mirate ad alleviare la pressione su chi deve mantenere la propria famiglia in un periodo difficile come quello attuale. In tal senso, va considerato anche un aiuto decisamente interessante e passato in sordina nelle ultime settimane: stiamo parlando del bonus mamma domani 2021. Scopriamo chi ne ha diritto, come richiederlo e tutti i dettagli.

LEGGI ANCHE >>> Manovra 2021, dai pc agli occhiali: i bonus più interessanti

Bonus mamma domani: chi rientra, l’importo e come richiederlo

Bonus mamma (getty images)
Neonato (getty images)

Il bonus mamma domani può essere richiesto tramite domanda all’Inps dalle donne che abbiano superato il settimo mese di gravidanza. Da chi ha portato al termine il parto, anche prima dell’ottavo mese, ma anche da chi ha adottato o ha in affidamento un minore. L’importo del sostegno economico è di 800 euro e non costituisce un reddito, ma viene dato una tantum. Può essere richiesto per ogni figlio nato o adottato. Per richiederlo bisogna essere residenti in Italia o avere la cittadinanza italiana o straniera, ma essendo regolarmente soggiornanti nel Bel Paese. Si può richiedere attraverso il portale web dell’Inps o recandosi presso il proprio patronato. Il bonus scade entro un anno dalla nascita, adozione o affidamento.