Edoardo Vianello in lacrime a Storie Italiane: “Se n’è andata all’improvviso”

Edoardo Vianiello si sfoga a Storie Italiane e racconta il dramma del lutto avvenuto durante la prima ondata della pandemia, va avanti per il nipote.

edoardo vianiello lutto
Edoardo Vianiello (screenshot Instagram)

L’attore e cantautore Edoardo Vianiello torna a parlare della morte della figlia Susanna, ricoverata da tempo in un ospedale di Roma combattendo contro un male incurabile. La sua morte è coincisa con l’inizio della pandemia e proprio a causa di questa non è stato possibile darle l’ultimo salute. Un dolore troppo grande per Edoardo e Wilma Goich, mamma di Susanna, che hanno aspettato prima di esternare il loro lutto.

A darne l’annuncio il 7 aprile 2020, è stato il cugino e giornalista Andrea Vianiello tramite un tweet. Edoardo ha parlato di quel periodo a Storie Italiane, suscitando la commozione dei presenti in studio che non hanno potuto fare altro che mandargli un “abbraccio virtuale“. Susanna avrebbe compiuto 50 anni in estate, ha lasciato un bambino, il nipote di Edoardo che trova in lui la forza per potere andare avanti. Perdere una figlia è un dolore che non si può descrivere, “faccio finta che sia causa della pandemia, solo così riesco a superarlo” ha detto l’attore.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>> Grave lutto nel mondo della musica: morto il frontman del gruppo metal

Edoardo Vianiello si commuove ricordando la figlia Susanna

Vianiello ha parlato per la prima volta della morte della figlia Susanna mentre era in collegamento con il programma C’è tempo per.. su Rai Uno. Un silenzio rotto dalla commozione di Edoardo nel ricordare la figlia, oggi è tornato a parlarne a Storie Italiane. Il cantautore non riesce a trattenere le lacrime mentre ricorda il calvario di Susanna, che si era ammalata di un male incurabile che l’aveva colta alla sprovvista.

Se n’è andata in poco tempo e per colpa della pandemia, sviluppatasi nei primi di marzo, la famiglia non ha potuto darle l’ultimo saluto. Edoardo aspetta “la sua chiamata“. Erano molto uniti e la passione per la Roma li teneva uniti, vedere la partita insieme era la loro scusa per passare del tempo insieme. Ora l’attore vive per suo nipote, ha 23 anni e “ci da la forza di sopravvivere” ha detto l’attore.