USA, assalto al congresso: “Era Jamiroquai”. La sua risposta è epica!

Un gruppo di estremisti di destra ha invaso il Congresso americano a Washington. Jamiroquai coinvolto? Il cantante risponde così.

 Jamiroquai
Jamiroquai (Fonte GettyImages)

Martedì 6 Gennaio, un evento inaspettato ed eclatante ha sconvolto l’America, ma anche il resto del mondo che è rimasto a bocca aperta guardando le immagini che arrivavano da oltre oceano. Ieri, un gruppo di estremisti di destra a invaso Capitol Hill ed è entrato nel Congresso americano a Washington.

Dopo i primi momenti di sgomento, sono partiti subito i Meme, metodo tipico di Internet per affrontare qualsiasi tipo di situazione. Tra le varie rappresentazioni scherzose, molte si sono concentrate su un estremista in particolare, Jake Angeli, che indossava un copricapo in pelliccia. Secondo molti il suo look ricordava quello del cantante inglese Jamiroquai.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Scontri Usa: chi è lo “Sciamano” che ha guidato la rivolta al Congresso

I Meme sugli scontri USA coinvolgono il cantante inglese

Il popolo del web si è scatenato, in particolar modo Twitter, piattaforma d’eccellenza per la produzione di Meme virali. Molti di questi inerenti agli scontri USA di mercoledì 6 Gennaio avevano un unico protagonista, il cantante inglese Jamiroquai. Data l’abbondanza di immagini scherzose che ironicamente chiedevano all’artista cosa ci facesse a Washington e quindi legando la sua persona alla rivolta, il cantante ha dovuto rispondere. Ovviamente si tratta di un video che ha lo stesso tono dei Meme, dunque si tratta di una risposta simpatica ed ironica.

Infatti, Jamiroquai, nel video sostiene dice testuali parole “Good Morning Washington, loving the headgear, but not sure that’s my crowd. Stay safe everyone” .Ovvero, amo il copricapo, ma quella non è la mia folla, restate al sicuro, J. Inoltre, coglie l’occasione per augurare buon anno ai propri fan e ricordare a tutti che bisogna tenere duro ancora per un po’ in quanto il Covid-19 continua a resistere.